Bull terrier inglese

20/10/2014
Bull terrier inglese
Il Bull terrier nasce in Gran Bretagna nel XIX secolo e viene riconosciuto come razza nel 1933.

Il cane che conosciamo oggi discende dal “Bull and Terrier”, un formidabile cane da combattimento.


Bull terrier: origini

La storia del Bull terrier è molto intrigante:

nell’Inghilterra del 1800 andavano molto di moda i combattimenti tra cani e tra cani ed orsi, durante queste lotte a primeggiare erano i Bulldog perché i più combattivi e selezionati per vincere.

Proprio per questo motivo, la selezione si fece più agguerrita e nel tentativo di ottenere una razza più dinamica e agile nacque il Bull terrier.

Accoppiando il Bulldog con alcuni terrier nacque il “Bull and Terrier” che poi venne incrociato con il “White English Terrier” e con il Dalmata. Il risultato fu proprio il Bull Terrier che poi diede vita, nel 1887, al primo Club di razza.

Il primo esemplare di Bull terrier fu una femmina di nome Puss, nel 1862, dopo un’ulteriore incrocio tra Puss ed altre razze come il Dalmata, il Greyhound, il Pointer, il Foxhound, il Whippet ed il Collie, si arrivò al Bull terrier che conosciamo oggi.
 

Foto repertorio: Bull terrier seduto


Bull terrier: aspetto 

Nato bianco, ma con problemi di salute, il Bull terrier acquisisce anche delle varianti con altri colori ed entra a far parte della razza solo negli anni cinquanta. Tra i “colorati” il “tigrato” è in genere il colore prediletto.

Esiste anche una variante miniature che rispecchia ancora di più lo standard di un cane da compagnia.

Non esistono limitazioni di peso né di altezza per il Bull terrier, tranne per il miniature che ha un’altezza massima di 35 cm.

Il peso si aggira intorno ai 28 – 30 kg per il maschio e 22- 24 kg per la femmina.

Gli occhi del Bull terrier sono piccoli, scuri ed a forma triangolare.

Il collo è molto muscoloso e lungo, il tronco tondeggiante e ha la coda corta e bassa.

Il mantello si presenta a pelo corto e duro, i colori vanno dal bianco al marrone tigrato.

 
Foto repertorio: Bull terrier in piedi


Bull terrier: carattere ed educazione

Il Bull terrier viene soprannominato “il gladiatore delle razze canine” perché è un cane molto coraggioso ma non facciamoci trasportare troppo da questo soprannome.

Il Bull terrier è un cane molto tranquillo e particolarmente affettuoso ed equilibrato. È molto discreto con gli estranei, a meno che non li veda come minaccia.

Ama molto il contatto con l’uomo ed è un buon compagno di giochi, ha bisogno di molto esercizio quindi si consiglia di fare con lui lunghe passeggiate che verranno ben compensate con ore di sonno e riposo.

Fin da piccolo si consiglia di farlo socializzare con le persone in modo che cresca con un carattere sicuro e socievole.


Bull terrier: salute ed alimentazione

Il Bull terrier non presenta particolari problemi di salute anche se la versione a pelo bianco è spesso più delicata e sensibile ad allergie e dermatiti.



SCHEDA TECNICA A CURA DI GIUNTI EDITORE:

ORIGINI
All’origine di questa razza ci sono sicuramente il Manchester terrier e l’English white terrier, oggi estinto: il mantello bianco, per lungo tempo, fu l’unico accettato dallo standard e ancora oggi è molto diffuso. Questo anche per l’immissione di sangue Dalmata effettuata da James Hinks, che può essere considerato il “padre” della razza così come la conosciamo oggi. La sua opera fu proseguita dai figli, Fred e James, e dal nipote Carleton, figlio di James Jr., che iniziò ad allevare nel 1920 con l’affisso “Brum”, il più famoso nel mondo. Fu lui a produrre per primo il “naso romano” nel suo campione Lord Gladiator, che lo trasmise a tutta la discendenza.

ASPETTO E CARATTERISTICHE
È un cane inconfondibile a causa della particolare conformazione “a uovo” della testa. Il suo profilo, detto “naso romano”, è unico al mondo. Il corpo è quello di un “gladiatore”, come viene definito: solido, compatto, è un vero fascio di muscoli. Gli occhi sono piccoli, triangolari, infossati, obliqui, molto più vicini alle orecchie che al tartufo; scurissimi, devono sembrare quasi neri. Anche le orecchie sono piccole, naturalmente erette, vicine tra loro. Gli arti sono in perfetto appiombo. Il torace è molto largo, con coste ben cerchiate (la sua ampiezza determina la potenza muscolare del Bull terrier) e con altezza che deve essere superiore alla metà dell’altezza al garrese, così che il cane abbia poca aria sotto di sé, ma senza risultare basso sugli arti. Pelo: corto. Colore: bianco puro o con macchie nere o tigrate sulla testa, sulle orecchie o su entrambe; fulvo; tigrato; tricolore. Non sono ammessi il blu e il fegato. Taglia: per la varietà di taglia normale lo standard non prevede un’altezza massima né un peso ideale, ma è desiderabile che ci sia il massimo di sostanza nel minimo volume. Il Bull terrier miniatura è invece una varietà molto rara che non deve superare i 35,5 cm di altezza; nessun limite di peso, ma il cane deve apparire ben proporzionato.

ATTITUDINI
Nato come cane da combattimento, come tutti i Terrier di tipo Bull, oggi è soprattutto un cane da compagnia e da esposizione. Il suo carattere è equilibrato, a patto che il proprietario non lo stimoli all’aggressione. Adora il padrone e gli altri membri della famiglia. Ha una buona attitudine alla guardia.

SALUTE
È un cane robusto, che però deve svolgere molto esercizio fisico.

DOVE TENERLO
Ama vivere in casa, accanto alla “sua” famiglia, e vorrebbe essere sempre al centro dell’attenzione.

NOTE
Un tempo i Terrier di tipo Bull erano molto rissosi con gli altri cani, ma la selezione moderna ha stemperato questa caratteristica negativa: oggi un cucciolo ben socializzato può diventare amico di qualsiasi altro animale. Resta solo un po’ aggressivo con i conspecifici dello stesso sesso… praticamente come ogni altro cane.

FCI 11 Gruppo 3

Nazionalità: Gran Bretagna

Sezione: 3 Terrier di tipo Bull
Varietà: a) taglia normale; b) miniatura

RIPRODUZIONE RISERVATA

Si ringrazia per i contenuti Giunti Editore - De Vecchi

Comments powered by Disqus
Top