Foto: Street Art: gli animali per combattere il degrado nelle aree urbane abbandonate

14/06/2016
Immagine   1 / 24
Street Art: gli animali per combattere il degrado nelle aree urbane abbandonate 1

Il progressivo aumento del degrado urbano in quasi tutte le realtà ad alta densità di popolazione, è un problema che non affligge solo l’Italia ma arriva dall’America e si è ormai espanso in tutta Europa.

Sempre più grandi città sembrano aver trovato una sorta di soluzione tramite la Street Art, una forma d’arte di strada che si esprime con graffiti e murales. Gli artisti che comunicano attraverso disegni e rappresentazioni sono in aumento e sempre più richiesti anche proprio dalle autorità cittadine.

Dzia è un artista di strada belga, della zona di Anversa, noto per le sue splendide pitture murali di animali. Il suo stile grafico, con vorticose linee forti, è immediatamente riconoscibile. Dzia dipinge nella sua città natale di Anversa così come in altre città in tutta Europa, dando vita ai muri di tante aree urbane abbandonate. Nonostante sia diventato un pittore di strada da soli due anni e mezzo, ha già ricevuto un numero elevato di riconoscimenti per il suo affascinante ed originale lavoro. Con le loro linee forti ed i colori marcati, alcuni dei suoi pezzi assumono un aspetto simile a un prisma.

"Sin da ragazzino l’arte ha sempre suscitato un grande interesse in me", scrive sul suo sito web. "Mio zio era un artista e tutta la mia famiglia è sempre stata molto creativa. Questa passione mi ha accompagnato dalla mia adolescenza sino al master in belle arti della Royal Academy di Anversa. Dopo la laurea ho veramente voluto mettere la mia arte sulle pareti. Mi sono concentrato sulla creazione di uno stile grafico davvero unico, con linee astratte e geometriche per realizzare forme animalesche. Le nuove idee mi vengono molto facilmente, quindi il mio lavoro è sempre spontaneo. Dipingo velocemente per assicurarmi che l'idea rimanga fedele alla forma che ha preso corpo nella mia mente."

Foto: Sito Dzia

Fonte: My Modern Met

Comments powered by Disqus
Top