Non solo amore ma anche tanta salute grazie ai nostri amici pelosi

30/06/2016

Non solo coccole ed amore incondizionato, ma anche tanta salute in più a chi ha un Amico a Quattro Zampe.
Cani e gatti, quindi, non hanno solo un ruolo affettivo ma anche terapeutico.
 
Secondo uno studio americano i benefici che si hanno adottando un animale domestico possono essere davvero molti, specialmente per le donne che soffrono di malattie cardiovascolari. La loro presenza può aiutare a prevenire addirittura l’ictus.
 
I ricercatori della Georgia Southern University hanno basato la loro ricerca sui dati ottenuti grazie a 4.000 adulti sani sopra i 50 anni che erano stati sottoposti ad un accurato studio sulla salute e la nutrizione effettuato tra il 1988 ed il 1994.
 
Durante l’indagine gli individui erano tenuti a rispondere se possedevano un animale domestico oppure no: il 35% dichiarava di avere un cane o un gatto e metà di questi era obeso o in sovrappeso.
 
Gli studiosi hanno poi continuato a studiare tali individui sino al 2006 per scoprire se erano ancora in vita e come andavano ad evolversi le loro condizioni di salute.
 
Confrontando i dati ottenuti con il National Death Index americano (indice nazionale di mortalità) è risultato che vi erano 11 morti a causa di malattie cardiovascolari ogni 1000 persone prive di un Amico a Quattro Zampe. Diversamente, nel gruppo di individui con animali domestici risultava che vi fossero solo 7 morti per malattie cardiovascolari ogni 1000 individui.
 
E in caso di ictus? Gli uomini proprietari di animali avevano le stesse possibilità di morire di quelli senza Amici a Quattro Zampe, ma nelle donne la probabilità di morte si riduceva di circa il 40%.
 
La ricerca americana aggiunge che la presenza di un animale domestico in casa migliora la fiducia in sé ed aiuta i bambini autistici a relazionarsi con gli altri.
La pet therapy, inoltre, diventa un’attività sempre più diffusa: lo scorso maggio a Firenze, ad esempio, si è dato avvio al primo progetto italiano di terapia con i cani in un reparto di rianimazione. Accarezzare un cane o un gatto, infatti, riduce la pressione sanguigna, l’ansia, il battito cardiaco e stimola la produzione degli ormoni del benessere.
 
Jian Zhang, autore dello studio americano, desidera sottolineare che la ricerca non è stata finalizzata ad incoraggiare le persone ad adottare un animale domestico.
I benefici che si ottengono sono molti, ma non bisogna dimenticarsi che sono un impegno e non tutti si trovano nelle condizioni tali da potersi prendere cura di loro.

Foto e Fonte: Ok Salute e Benessere
 

 
Comments powered by Disqus
Top