Gli antiparassitari

11/05/2016

Con l’arrivo della bella stagione noi e i nostri amici a quattro zampe possiamo finalmente godere di giornate di sole, più ore di luce, temperature miti e iniziamo a sognare le nostre vacanze al mare o montagna.
 
Ma questo periodo dell’anno, purtroppo, porta con sé anche qualche ulteriore piccola insidia per i nostri amici animali: pulci, zecche e insetti ematofaghi (zanzare e flebotomi), portatori di patologie talvolta decisamente severe.
 
 
ECTOPARASSITI: PULCI E ZECCHE
 
CHI COLPISCONO: Possono interessare sia i cani che i gatti.
 
COME PREVENIRLE: Il modo migliore per prevenire l’infestazione da questi parassiti è sicuramente una corretta profilassi tramite prodotti spot-on (pipette) o collari specifici che, applicati o somministrati correttamente per tutto il periodo primaverile-estivo, garantiscono un’efficace prevenzione. Chiedete al vostro veterinario consiglio sul prodotto migliore per il vostro animale.
 
COME TOGLIERLE: nel caso delle pulci l’unico modo è l’utilizzo di prodotti spot-on o collari; per le zecche, invece, è possibile eseguire la rimozione anche in modo manuale utilizzando un liquido viscoso (sapone, vaselina, olio da cucina) per «soffocare» la zecca che poi verrà estratta con movimenti rotatori («svitandola»).
 
 
ZANZARE: FILARIOSI
 
CHI COLPISCE: Può interessare sia i cani che i gatti.
COME PREVENIRLE: esistono, in commercio, diverse prodotti che permettono una corretta profilassi nei confronti di questo parassita.
 
fondamentale ricordarsi di effettuare una corretta profilassi tutti gli anni e per un periodo adeguato alla presenza delle zanzare: normalmente si consiglia da Aprile a Dicembre.
 
E’ importante anche, ogni due anni, ricordarsi di effettuare un test del sangue per confermare l’assenza della patologia nei nostri amici cani, prima di iniziare un nuovo ciclo di profilassi preventiva.
 
Vi sono diverse soluzioni per effettuare una corretta profilassi: tavolette, compresse, punture, chiedete consiglio al vostro veterinario, che saprà sempre indicarvi la soluzione più adatta alle vostre esigenze e, soprattutto, a quelle del vostro amico.
 
 
FLEBOTOMI: LEISHMANIOSI
 
CHI COLPISCE: interessa esclusivamente i cani.
 
COME PREVENIRLE: in questo caso invece la prevenzione è, attualmente, una delle poche armi realmente efficaci per prevenire l’insorgere di questa patologia; purtroppo non esiste, attualmente, una terapia capace di debellare la patologia una volta contratta, ma ci è possibile soltanto tenere sotto controllo i sintomi, capite anche voi, perciò, l’importanza di effettuare una corretta profilassi eseguita costantemente.
 
Il modo migliore rimane, attualmente, quello di utilizzare collari o soluzioni spot-on ad effetto repellente, presenti in commercio e registrate appositamente nei confronti della leishmania; vi è la possibilità, inoltre, di effettuare una vaccinazione, consigliata in zone altamente endemiche.
 
 
Un ultimo appunto sugli antiparassitari: Naturali o sintetici?
 
Gli antiparassitari chimici hanno il vantaggio di essere di facile gestione poiché, una volta applicati, la loro efficacia può variare da un mese fino a sei; oltre a ciò la loro efficacia è stata scientificamente provata tramite studi clinici randomizzati.
Tuttavia questi prodotti in alcuni casi possono provocare reazioni allergiche.
 
Al contrario, i rimedi naturali invece danno molto più raramente problemi di allergie, ma possono avere tempi di efficacia minori e non essere resistenti all’acqua: questo comporta una nuova applicazione del prodotto ogni volta che l’animale si bagna, rendendo spesso la profilassi inefficace.
 
Dr Alessandro Aspesi – Medico Veterinario
Comments powered by Disqus
Top