Come far dimagrire il proprio gatto

29/10/2018
La vita sedentaria che spesso conducono i gatti di casa, accompagnata da un’iperalimentazione e dal fatto che la castrazione e la sterilizzazione cambiano il loro metabolismo, sta portando purtroppo ad un aumento dei casi di sovrappeso e di obesità nella popolazione felina.
 
L’obesità felina può causare patologie gravi (specialmente in età avanzata) quali il diabete, l’artrite, patologie cardiache, difficoltà respiratorie e insufficienza renale, che possono mettere seriamente a rischio la vita o la qualità della vita dei nostri amici gatti.
 
Ecco allora qualche utile consiglio per affrontare, in maniera corretta, un percorso dietetico serio e bilanciato.
 
 
  1. LA VISITA DAL VETERINARIO
 
Prima che il vostro micio inizi la dieta è importante che venga visitato da un veterinario per valutare le sue condizioni generali.
 
Sarà così possibile, attraverso esami del sangue specifici, valutare che non sussista una disfunzione metabolica o tiroidea che ne sia la causa primaria.
 
Assieme al vostro veterinario, nel caso in cui il vostro micio risulti sano, studierete un iter dietetico efficace: attraverso misurazioni verrà valutato il peso ideale del vostro animale e la strada migliore per raggiungerlo.
 
 
  1. SEGUIRE IL PROGRAMMA DI DIMAGRIMENTO
 
Durante la visita dal vostro veterinario sarà impostato un piano di dimagrimento, che dovrà essere seguito in maniera precisa e costante.
 
In commercio esistono alimenti dietetici studiati appositamente per avere un minor apporto di calorie (circa il 20% in meno), che permettono una più facile gestione della dieta e hanno una corretta quota proteica che evita fenomeni di iponutrizione che invece sono frequenti nelle diete “fai da te” e che portano ad una riduzione della massa muscolare a scapito di quella grassa.
Tutti i prodotti dietetici in commercio presentano tabelle specifiche che, se seguite correttamente, permettono una riduzione sensibile del peso.
Il vostro veterinario saprà sicuramente indicarvi i prodotti migliori per il vostro animale.
 
 
  1. NON EFFETTUARE UNA DIETA TROPPO DRASTICA
 
Pianificare è importante, perché previene gli estremismi quando nutrite il vostro animale: infatti anche ridurre drasticamente la dieta può portare a serie patologie, spesso mortali, quali la lipidosi epatica o la steatosi epatica.
 
Per prevenire queste problematiche è indispensabile pianificare la perdita di peso su un medio periodo (qualche mese) e mai cambiando drasticamente la dieta del nostro gatto: se non si raggiungono i risultati sperati è importante riportarlo dal veterinario per modificare assieme e correttamente la dieta impostata.
 
 
 
 
  1. INTEGRARE AL SECCO PIÙ CIBO UMIDO
 
Molti cibi secchi hanno un alto tasso calorico, oltre le 400 calorie per bicchiere di cibo: è così molto facile per il proprietario sbagliare, iperalimentando il proprio animale.
 
Il cibo umido ha un più basso tenore in carboidrati e un maggior tenore proteico: è fondamentale in un animale “carnivoro puro” un supporto proteico adeguato, proviamo quindi a ridurre il cibo secco, optando per un maggior apporto di cibo umido nella loro dieta.
 
 
  1. NO AL “CIBO SEMPRE A DISPOSIZIONE”
 
È assolutamente da evitare l’abitudine di lasciare sempre del cibo a disposizione del gatto o quella di dargli da mangiare ogni qualvolta che ce lo chiede.
 
È importante per il programma di dimagrimento tenere traccia di quanto il nostro gatto mangi e di quante calorie assuma nel corso della giornata.
 
La soluzione migliore è quella di dargli da mangiare 2 volte al giorno, con una quantità prestabilita di cibo: non dobbiamo farci impietosire dalle sue proteste e lamentele… pensiamo al suo benessere e resistiamo!
 
 
  1. ESERCIZIO FISICO QUOTIDIANO
 
Una corretta dieta deve essere accompagnata da esercizio fisico regolare anche nel caso del gatto!
L’esercizio quotidiano consente al nostro gatto di bruciare le calorie in eccesso e di tenersi attivo.
 
Nel caso del cane sembra più semplice perché sappiamo che in generale è sempre felice di uscire a fare una passeggiata con noi, ma è essenziale incoraggiare anche il nostro gatto a fare attività fisica giornalmente e non è una cosa difficile.
 
L'allenamento migliore avviene attraverso il gioco: giocare regolarmente è fondamentale per mantenere il micio in condizioni psico-fisiche ottimali.
 
Il gatto gioca di buon grado da solo e gioca volentieri con noi, dobbiamo solo fornirgli un ambiente ricco di stimoli: giochi interattivi che simulano la caccia possono essere un’ottima soluzione per ottenere il risultato desiderato! Per altri utili suggerimenti potete leggere l’articolo GIOCHI DA FARE IN CASA CON IL GATTO.
 
È importante osservarlo mentre gioca, così da potersi facilmente accorgere se è senza fiato o stanco, in modo da poter interrompere il gioco ed evitare un allenamento eccessivo.
 
In ultimo, non è da escludersi la possibilità di prendere un secondo gatto, in modo da rendere la vita del vostro micio più interattiva e varia.
 
 
Far perdere peso al nostro amico gatto non è una cosa così difficile: una dieta correttamente sviluppata, in accordo col proprio veterinario di riferimento, un cibo corretto e la giusta quantità di esercizio fisico sono la chiave per garantirgli una qualità di vita migliore, anche quando sarà un pochino più anziano!

Sulla pagina Amici Speciali Coop, la linea Coop dedicata al Pet Food, trovi approfondimenti sui prodotti, consigli del veterinario e molte informazioni utili per prenderti cura del tuo amico a 4 zampe!
 
 
A cura dello staff di Mypetclinic Clinica Veterinaria
Comments powered by Disqus
Top