Volontaria si innamora di un cane che ha subito abusi per 6 anni

17/10/2017

"Ho salvato migliaia di cani, ma questa cagnolona ha cambiato la mia vita. È il cane più buono e più dolce che abbia mai incontrato. Tutto quello che vuole fare è amare e essere amata".

Una delle prime cose che Shira Astrof ha fatto per questo cane è stato cambiare il suo nome: ha deciso di chiamarla Ruby.

"Non usiamo più il suo vecchio nome di quando subiva abusi", ha raccontato a The Dodo Shira, una volontaria per Care Rescue LA, il gruppo di soccorso di Los Angeles che l'ha aiutata a salvare Ruby. "Volevamo darle un nuovo nome per un nuovo inizio".

Lo scorso luglio, Ruby è arrivata in un rifugio a West Valley, Los Angeles, dopo essere stata confiscata al suo proprietario, che sarà sottoposto a processo per maltrattamento di animali.
Anni di abusi avevano lasciato la cagnolina ferita, ammalata e traumatizzata.

"Mi è stato detto che è stata adottata dal rifugio di West Valley sei anni fa quando aveva dieci mesi ed era una bellissima e buona cucciolona incrocio pastore tedesco", racconta Shira. "E poi quando, sei anni dopo, è stata riportata al rifugio dalla polizia, si era trasformata in un cane di 18 Kg emaciato che non riusciva più ad usare le zampe posteriori".

Anche se Shira non conosce tutti i dettagli del caso contro l'ex proprietario, sa che Ruby ha vissuto l'inferno.

"Hanno detto che è stata chiusa in una gabbia per sei anni e per questo le sue zampe posteriori sono completamente atrofizzate", racconta Shira "Sembra anche che venisse picchiata".

Le cose sono sicuramente migliorate per Ruby quando è tornata al rifugio, ma la sua situazione restava difficile: è stata inizialmente sistemata in un box isolato, mentre le autorità lavoravano per raccogliere prove per condannare il suo ex-proprietario.

"Era così depressa, che pensavano si sarebbe lasciata morire", racconta Shira. "Non voleva mangiare, né fare niente".

Fortunatamente a quel punto, Shira è entrata nella sua vita e ha deciso di aiutarla a tutti i costi. Dopo aver visto un video di Ruby postato dai volontari che l'avevano in cura, Shira ha contattato il personale del rifugio e la polizia e ha fatto un accordo con loro: se avessero accettato di lasciare che portasse Ruby a casa con sé, li avrebbe aiutati a raccogliere prove, inviando loro tutti i referti medici e gli aggiornamenti fotografici di Ruby che erano necessari per il processo.

Da quando ha lasciato quel box Ruby si è trasformata, secondo quanto racconta la donna.

"Dal momento in cui l'ho presa, ha posto tutta la sua fiducia in me, è un cane dolce che si affida naturalmente e ama tutti", racconta Shira. "La prima cosa che le ho detto è che ora era al sicuro e che nessuno le avrebbe mai più fatto del male".

Shira è rimasta molto sorpresa dalla capacità di Ruby di amare le persone. Dopo tutto quello che quel cane aveva passato con il suo ex proprietario, la donna si aspettava che fosse come minimo schiva e diffidente, ma Ruby era l'esatto contrario.

"Non ha alcun timore delle persone", racconta Shira. "La sua coda comincia subito ad dimenarsi non appena una persona nuova o qualsiasi animale entra nella stanza. Ama i cani, ama i gatti, ama tutti. È la prova vivente di quanto i cani siano diversi dalle persone. È come se lei sapesse di essere stata salvata e ora è serena".

Ma nonostante il suo spirito luminoso, Ruby ha ancora molte sfide fisiche da superare. Per prima cosa ha bisogno di mettere su peso: adesso Ruby pesa poco più di 18 Kg, quando dovrebbe pesarne circa 60. Poi ci sono altri problemi...

"E' ancora in uno stato terribile", dice Shira. "Quando si sdraia con me per riposare, non lo fa come un cane normale: le ci vuole un po' di tempo per sistemarsi e poi quando deve rialzarsi le zampe le cedono. Il suo corpo è così atrofizzato che non può dimenticarlo. Prova ancora dolore ogni secondo".

E poi naturalmente Ruby deve anche superare un importante trauma psicologico...

"Anche se soffre a muoversi, non fa mai i suoi bisogni all'interno della casa, non importa cosa le dico: lei ha paura", racconta Shira. "Finché non viene trasportata fuori, si trattiene ed è sicuramente una cosa dovuta al terrore: il suo ex proprietario probabilmente l'ha picchiata talmente tanto da imprimerle per sempre questo trauma".

Per aiutare Ruby a stare meglio, Shira e la sua amica Maria, che hanno preso insieme Ruby in affido, la portano a fare regolari trattamenti di agopuntura, massaggi e sessioni di fisioterapia in acqua.

"Sta migliorando sempre di più", racconta Shira. "La portiamo dal veterinario ogni due giorni, stiamo facendo tutto quello che è possibile per aiutarla a riprendersi del tutto".

Shira sta anche aiutando Ruby a sperimentare quelle attività normali per un cane che lei non ha mai avuto modo di vivere prima d'ora, come andare al parco e Ruby si gode tutto.

"È come se adesso volesse gustarsi ogni momento", racconta Shira. "Ama le sue passeggiate, anche se si vede che prova ancora dolore a camminare. Ma è lei che ci fa capire quando non ce la fa più".

Shira ha anche scoperto che Ruby è un'appassionata di musica classica. "Appena la sente la sua coda comincia a muoversi subito" racconta "Quando la spegniamo, la sua coda si ferma. E quando facciamo ripartire la musica, comincia nuovamente a muoversi".

E Ruby ama anche i gatti di Shira, anche se loro non la ricambiano del tutto.

"Inizia a piangere con entusiasmo quando li vede", dice Shira. "Vuole leccarli e giocare con loro e scambiarsi le coccole con loro, e loro la lasciano fare per un secondo, ma poi la mandano via".

"Sono così innamorata di lei", dice Shira. "Ho salvato migliaia di cani, ma questa cagnolona ha cambiato la mia vita. È il cane più buono e più dolce che abbia mai incontrato. Tutto quello che vuole fare è amare e essere amata".


Foto e Fonte: The Dodo
Comments powered by Disqus
Top