Sfama una gattina randagia fuori dall’ufficio, ma l’azienda glielo vieta

03/12/2018

Brandon Lesky fa il turno di notte in una emittente televisiva e circa un mese fa, una mamma gatta con i suoi due gattini ha iniziato a presentarsi fuori dall'edificio. Dopo un po', la mamma gatta e uno dei gattini non si sono più presentati, ma sembrava che avessero abbandonato l'altro gattino



La gattina, una femmina, in seguito chiamata Momo, girava sempre da sola fuori e molti impiegati nell'edificio si sono impietositi e hanno iniziato a lasciare del cibo per lei, incluso Brandon.
L’uomo ha preso l’abitudine di lasciare del cibo umido per l'adorabile gattina e, anche se lei era sempre entusiasta di accettare il cibo, faceva attenzione a non avvicinarsi mai troppo a nessuno.
Aveva chiaramente paura degli umani, ma era così affamata da non poter rifiutare il cibo che le veniva offerto.

 
Dopo un po', Momo ha sviluppato una particolare simpatia per Brandon e ha iniziato a seguirlo quando usciva durante la pausa, ma era ancora cauta nell'avvicinarsi troppo, e non gli permetteva mai di accarezzarlo.
 
Alla fine, il dipartimento delle risorse umane dell'azienda ha inviato un'email a tutti i dipendenti, chiedendo loro di smettere di dar da mangiare alla gattina. L'email diceva che chiunque era invitato a provare a prenderla e portarla a casa, ma darle da mangiare era un rischio per la salute ed era proibito da quel momento in poi.
 
Brandon stava già pensando di adottare un gattino ed si era affezionato molto a Momo nelle settimane in cui l'aveva nutrita, così, dopo aver ricevuto l'e-mail, decise che era destino che l’adottasse lui.
 
Ha comprato un trasportino ed è riuscito a catturare in sicurezza Momo e a portarla a casa con lui.

 

All'inizio Momo era terrorizzata dalla sua nuova casa, così come da Brandon e dal suo compagno di stanza, e stava nascosta sotto un comodino soffiando a chiunque si avvicinasse.



Brandon era sicuro che la piccola avrebbe finito per apprezzare la nuova vita, ma la paura era troppa: a quel punto tutto quello che potevano fare era darle tempo e sperare per il meglio.
 
"Sembra che lei ami le persone, ma qualcosa la blocca", racconta Brandon  a The Dodo. "Non sembrava malconcia quando l'ho presa, ma pensiamo che potrebbe aver avuto una brutta esperienza con un umano in passato".
 


Dopo alcuni giorni, Momo ha iniziato lentamente a sentirsi a suo agio nella nuova casa e anche se resta ancora un po' ombrosa, sta diventando più coraggiosa e fiduciosa ogni giorno.
 
Nonostante le sue paure, Brandon è così felice di aver conosciuto la piccola gattina fuori dal suo ufficio, perché ora ha la compagna più adorabile che chiunque possa desiderare.
 


"È piuttosto timida, ma se riesci a farle fare le fusa, non si ferma più", racconta Brandon. "È la personificazione del gatto pigro. Ogni tanto si fa le unghie sul tiragraffi che ho preso e quando tiro fuori uno dei suoi giocattoli gioca con me, ma per il resto se ne sta addormentata sulla sua coperta sotto uno dei tavolini della mia stanza".
 
Foto e Fonte: The Dodo
Comments powered by Disqus
Top