Scimpanzé orfana rimane abbracciata al suo soccorritore per tutta la strada verso il santuario

08/11/2017

Quando una piccola scimmietta orfana ha avuto la possibilità di andare in un posto sicuro, i funzionari della fauna selvatica hanno fatto tutto il possibile per assicurarsi che tutto procedesse per il meglio.

Nessuno sa esattamente cosa sia successo alla famiglia di Rebeca ma molto probabilmente la stessa storia triste che molti piccoli scimpanzé sono costretti a sopportare.

Una coppia di sposi, Jenny e Jimmy Desmond, si impegnano per aiutare gli scimpanzé ed evitare la loro estinzione e per questo hanno costruito un santuario per scimpanzé orfani di nome Liberia Chimpanzee Rescue (LCR).

Anche la loro cagnolina Princess aiuta i primati a sentirsi a loro agio quando arrivano al santuario.

“Rebecca viene da una città di nome Banga”, riferisce Jenny.

“Jimmy era lì che lavorava come consulente per l’organizzazione EcoHealth Alliance. I funzionari della fauna selvatica sapevano che mio marito era lì e che abbiamo un santuario per scimpanzé così hanno portato Rebeca da lui”.

Rebeca era legata fuori da una casa di qualcuno quando una donna si è accorta dello scimpanzé e si è offerta di comprarlo.

Chi deteneva Rebeca ha molto probabilmente ucciso la famiglia della piccola per il commercio di carne selvatica”, riferisce Desmond.

Rebeca è stata consegnata alle autorità che hanno approfittato della vicina presenza di Jimmy per affidargli lo scimpanzé.

Simeon Fahn, del gruppo LCR, ha portato Rebeca nella sua nuova casa.

La piccola si è abbracciata all’uomo per tutto il tragitto verso il santuario come se avesse capito che era finalmente al sicuro.

Quando Rebeca è arrivata al santuario si è subito costruita un piccolo nascondiglio, i piccoli scimpanzé imparano dai loro genitori a costruire dei ripari in modo da potersi sentire al sicuro ed avere un posto accogliente dove dormire.

“I piccoli imparano dalle loro madri e dagli altri membri della famiglia come costruire dei ripari, molti di loro arrivano da noi già consapevoli e capaci il che significa che hanno avuto il tempo di imparare prima di rimanere orfani”.

Dopo la prima notte passata al santuario, Rebeca si è svegliata ed è successo qualcosa di incredibile.

“La mattina dopo, Max, Poppy e Bui, altri scimpanzé cuccioli arrivati da poco al santuario, si sono accorti della presenza di un altro scimpanzé”, riferisce Jenny.

“Max e Poppy sono rimasti vicino a me per paura mentre Bui si è diretto verso Rebeca per annusarla e per darle il ben venuta con un grosso abbraccio. Rebeca era un po’ nervosa all’inizio ma si è subito sciolta ed ha iniziato a giocare con Bui”.

Sia Rebeca che Bui provengono dalla stessa zona e sono quasi coetanei.

“È sicuramente scattato qualcosa in Rebeca che l’ha fatta sentire a casa e non più in pericolo, ormai si stende senza problemi accanto a me per ricevere le coccole e qualche bontà da gustare”.

Vi lasciamo alla gallery di Rebeca.

 
Foto e fonte: Thedodo.com
Comments powered by Disqus
Top