Piccoli cucciolotti rimangono intrappolati in una pozza di catrame

30/11/2017

Tre piccoli cuccioli di cane sono rimasti intrappolati in una pozza di catrame in India e non riuscendo più a liberarsi hanno iniziato a lamentarsi in cerca di aiuto.

Fortunatamente i passanti hanno sentito le richieste di aiuto dei cagnolini e sono corsi in loro aiuto.

I soccorritori della Animal Aid Unlimited si sono precipitati sul posto quando hanno ricevuto la chiamata di aiuto da parte delle persone che avevano trovato i cagnolini.

I soccorritori, accorgendosi di non poter liberare uno ad uno i cagnolini dal catrame, hanno optato per la rimozione di tutto il pezzo di terreno per poi portare i cuccioli in ospedale e procedere lì con la pulizia.

In ospedale i cuccioli sono stati puliti e curati, nessuno è riuscito a capire da quanto tempo erano intrappolati nel catrame e proprio per questo i soccorritori temevano per la vita dei piccoli.

I piccoli sono stati ripuliti con dell’olio che faceva ammorbidire il pelo in modo da facilitare la rimozione del catrame.

I cuccioli erano spaventati e stanchi ed hanno lasciato lavorare i soccorritori senza opporsi.

Ci sono volute 2 ore per applicare l’olio ai cuccioli e molto altro tempo per far ammorbidire il catrame ma nessuno dei soccorritori si è arreso.

Dopo tante ore i piccoli sono riusciti a reggersi in piedi da soli ma avevano ancora bisogno di altri bagnetti per poter essere completamente puliti.

Passati 3 giorni di bagni e applicazioni di olio, i tre cuccioli si sono ripresi ed hanno cominciato a risplendere.

Dopo aver passato tanto tempo a cercare di salvare le vite di questi cuccioli, i soccorritori sono anche riusciti a rintracciare la mamma dei piccoli che è stata recuperata, portata in un rifugio e riunita con suoi cucciolotti.

I cuccioli erano così felici di rivedere la loro mamma che sono impazziti di gioia.

Grazie ai soccorritori un’altra famiglia di animali è stata salvata e potrà avere un’altra occasione di vita.

Vi lasciamo alla gallery del salvataggio.

 
Foto e fonte: Thedodo.com
Comments powered by Disqus
Top