Per prima volta un non vedente completa la Mezza Maratona di New York con l'aiuto di 3 cani guida

18/03/2019

Un uomo ha fatto la storia diventando il primo non vedente a completare la Mezza Maratona di New York.
 
Thomas Panek, 48 anni, ha compiuto l'impressionante impresa con l'aiuto di tre cani guida: Westley, Waffle e Gus (nella gallery qui sotto).
 
Indossando delle piccole da corsa per cani, il trio di Labrador retriever si è alternato durante la maratona di 21 Km nell’affiancare Thomas, che è il presidente e CEO di Guiding Eyes for the Blind.
 
Ogni cane ha impostato il proprio ritmo e ha corso per 5-8 km, sotto l’attento controllo di veterinari e volontari lungo il percorso per garantire la loro idratazione, salute e sicurezza.
 
Gus è un Labrador dorato di sette anni e il membro più anziano del team, ama i massaggi alle zampe, le coccole e giocare a frisbee. È il compagno di lunga data di Thomas ed è con lui che ha tagliato il traguardo a Central Park.
 
Finire la gara con Gus è stato un grande momento per Thomas: "È un po' emozionante per me perché Gus è con me da sempre", ha detto.
 
Anche Waffle è una Labrador color oro, di quasi due anni, è il cane più veloce e l’unica femmina della squadra, adora il burro di arachidi, le carote e le coccole.
 
Il grande Labrador nero Westley è il fratello di Waffle e ha un debole per il nuoto, per gli ossi da masticare e le grattatine, secondo il suo profilo sul sito di Guiding Eyes.
 
"Sono davvero una grande squadra", ha detto Thomas alla CNN.
 
Thomas ed i suoi fedeli compagni a quattro zampe hanno completato la gara in poco meno di 2 ore e 21 minuti.
 
Thomas è sempre stato un corridore appassionato, ma ha perso la vista quando aveva poco più di 20 anni.
 
Nonostante tutto non ha voluto rinunciare a correre ed è riuscito a completare l'impressionante numero di 20 maratone con l'aiuto di guide umane.  
 
Il fatto, però, di non riuscire a correre senza un'altra persona che lo sostenesse, gli ha fatto sentire di aver perso l'indipendenza.
 
Questa è stata la ragione principale per cui ha deciso di istituire un programma di formazione per la corsa con i cani guida.
 
"Non ha mai avuto senso per me uscire dalla porta e lasciare a casa il mio cane guida quando vado correre, sapendo che anche lui ama correre", dice. "Era solo questione di andare oltre il pensiero convenzionale e dire invece ‘perché no?’".
 
Guiding Eyes for the Blind è un ente di beneficenza che forma cani guida per i non vedenti, con sede a Westchester County, New York. Nel 2015, l'organizzazione ha fondato il suo programma "Running Guides" e 24 cani che lo hanno completato.
 
Non tutti i cani sono adatti però: devono essere estremamente disciplinati, in forma e sani.
 
Per Thomas era fondamentale avere un forte legame con i suoi cani, così si è allenato con loro per mesi.
 
"Il legame è molto importante", ha detto. "Non puoi semplicemente prendere l'imbracatura e andare a correre con il cane.
 
"Ti stai allenando con una squadra, non importa che tipo di atleta sei, e devi desiderare di trascorrere del tempo insieme in quel campo d’allenamento."
 
Thomas spera che il suo risultato incoraggerà altre persone con disabilità a sfidare il pensiero comune e ciò che loro stessi pensano di non poter fare.
 
Foto e Fonte: Insider
Comments powered by Disqus
Top