Parlare al proprio cane migliora il nostro rapporto con lui

09/03/2018

Veri e propri discorsi d’affetto sono quelli che intratteniamo con il nostro amico a 4 zampe: “Bravo cucciolo!”. “Chi è l’amore di mamma?”.

Gli scienziati dell'Università di York, Gran Bretagna, dimostrano che il modo in cui parliamo con i nostri amici a quattro zampe è davvero importante, quasi come avviene per i bambini.

Gli esperimenti che sono stati condotti hanno evidenziato che il cosiddetto dog-speak migliora l’attenzione e aiuta gli esseri umani a legarsi di più ai loro fedeli amici domestici.

I risultati della ricerca li trovate QUI.

Gli studiosi hanno voluto capire se parlare con voce dolce al proprio cane sia utile o semplicemente è un nostro vezzo in quanto ci piace trattare gli animali come bambini.

La psicologa Katie Slocombe spiega: "Volevamo comprendere se il legame sociale tra animali ed esseri umani sia influenzato dal tipo e dal contenuto della loro comunicazione".

I ricercatori hanno fatto una serie di test linguistici con cani adulti, ai quali è stata fatta ascoltare una persona che pronunciava frasi del tipo: “sei un bravo cane” o “andiamo a passeggio?” e poi un’altra persona che parlava in maniera generica senza contenuti relativi al cane come: “sono andato al cinema ieri sera”.

È stato misurato il grado di attenzione del cane durante il discorso e poi è stato dato il permesso all’animale di scegliere con chi interagire fisicamente.

Abbiamo scoperto che gli animali sono molto più propensi a voler interagire e passare del tempo con chi ha pronunciato frasi con contenuti correlati a loro”, riferiscono gli esperti.

Quando abbiamo mescolato i due tipi di discorso e contenuto i cani non hanno mostrato preferenze per un oratore rispetto all'altro e questo suggerisce che hanno bisogno di sentire parole rilevanti, pronunciate con voce acuta ed emotività".

Quindi, in conclusione, non ci resta che continuare a parlare ai nostri meravigliosi compagni pelosi facendogli capire quanto teniamo a loro.

 
Fonte: Lasicilia.it
Comments powered by Disqus
Top