L'ultimo cane rimasto nel rifugio sorride quando infine trova casa

05/02/2019

Dicono che le cose buone vengono a coloro che sanno aspettare e nessuno lo sa meglio di Capone.
 
L’incrocio American Staffordshire Terrier di 7anni aspettava pazientemente una famiglia per sempre presso lo Ionia County Animal Shelter, nel Michigan, ma sembrava essere destinato a restare al rifugio.
 
Il povero Capone ha visto, uno per uno, i suoi compagni di box andarsene via con i loro nuovi genitori umani, finché, alla fine, è rimasto l'unico cane al rifugio.
 
"Per un po' di tempo Capone è stato l'unico cane che abbiamo avuto nel rifugio", ha raccontato a The Dodo Carly Quinn, direttrice del Animal Shelter della contea di Ionia. "Tutti i box erano vuoti, tranne quello del dolce, calmo e gentile Capone."
 
Capone era stato adottato una volta, poco dopo essere stato portato al rifugio nel 2017, ma si è ritrovato di nuovo in un box l'anno dopo, dopo un litigio con un altro cane in visita a casa sua.
 
Senzatetto per la seconda volta, Capone era depresso e aveva smesso di mangiare.
 
"Ha perso un po' di peso, non dimostrava più l'appetito che aveva a casa sua", racconta Carly, "è stato molto difficile convincerlo a mangiare, abbiamo dovuto convincerlo ogni giorno con delizie e cibi umidi assortiti”.
 
Carly pensava che lo sciopero della fame di Capone fosse in realtà un segno di qualcosa di più serio.
 
"Aveva il cuore spezzato", dice Carly, "e chiunque abbia avuto il cuore spezzato sa come l’appetito scompaia".
 
Ma Capone non aveva soltanto il cuore infranto: era terrorizzato all’idea di essere nuovamente respinto.
 
"Il Capone che abbiamo incontrato nel 2017 e il Capone bagnato incontrato nel 2018 sono due cani diversi", dice Carly.
"Dopo essere stato abbandonato al rifugio la seconda volta, sembrava che avesse iniziato a selezionare i suoi amici come chi è stato veramente tradito. È diventato molto affezionato a tutti noi del personale del rifugio".
 
"È un cane-velcro", aggiunge Carly. "Un cane che ama stare vicino a te, sempre a contatto".
 
Dal momento che Capone sarebbe stato meglio in una casa senza altri animali domestici, trovare la giusta situazione per lui si è dimostrato ancor più difficile.
 
I volontari del rifugio hanno continuamente postato la sua foto sui social media, assicurandosi che tutti nella zona sapessero che il cane era disponibile e pronto ad incontrare la sua famiglia per sempre.
 
Solo poche settimane fa, finalmente il miracolo tanto atteso si è avverato!
 
Carly non poteva crederci quando controllando la pagina Facebook del rifugio ha visto un messaggio di una coppia che chiedeva di Capone.
 
"Si erano innamorati delle sue foto e della sua storia", dice Carly. "Quando sono arrivati ​​nel nostro rifugio più tardi quel giorno, erano già andati al negozio di animali e gli avevano fatto fare una medaglietta personalizzata con il suo nome e le loro informazioni".
 
Ma dopo essere stato abbandonato due volte, Capone era diventato selettivo su chi lasciar entrare nel suo cuore…
 
Carly sapeva che non se ne sarebbe andato con degli sconosciuti facilmente, quindi ha trattenuto il fiato mentre camminava verso il suo box.
 
"Il mio staff ed io abbiamo tutti incrociato le dita pregando che a Capone piacessero", racconta Carly. "Mentre camminavo nella hall con Capone, lui si è fermato e ha guardato Jon e Ashlee per un po'. Entrambi si sono inginocchiati e Capone è corso tra le loro braccia!".
 
“È stato davvero un momento strappalacrime", aggiunge.
 
Il cane più solo nel rifugio aveva finalmente trovato la sua casa e fra i membri dello staff nessuno riusciva a trattenere l’emozione mentre assistevano al finale perfetto della storia di Capone.
 
Una volta arrivati ​​a casa, la nuova famiglia di Capone ha scattato una foto del cane felicemente sistemato nella sua casa e la sua espressione dice davvero tutto:
 
"Guardate quel sorriso", ha scritto su Facebook Sammie Vincent, una volontaria di rifugio. "Tutti noi del personale del rifugio stiamo piangendo lacrime di gioia per Capone".
 
Foto e Fonte: The Dodo
Comments powered by Disqus
Top