L'Enci si costituisce parte civile contro i responsabili del traffico illegale di migliaia di cuccioli

11/02/2019

L'Enci, l'ente nazionale della cinofilia italiana, si costituirà parte civile contro i responsabili del traffico illegale di migliaia di cani dallo Slovacchia che, il 7 febbraio scorso, ha portato a sette arresti e al sequestro di un centinaio di cuccioli, con documentazione di provenienza e di razza falsi, a Rimini.
 
I cuccioli di cani di piccola taglia venivano venduti con documenti falsi, senza vaccinazioni e con malattie che dopo pochi giorni dall'acquisto ne causavano la morte.
 


Un traffico illegale di migliaia di esemplari scoperto e smantellato dalla polizia di frontiera di Rimini che ha eseguito sette misure cautelari, di cui tre mandati di arresto europeo, e 13 perquisizioni locali e domiciliari. In carcere a Nitra (Slovacchia) un uomo di 33 anni e la madre di 54, legata a un 64enne italiano arrestato invece a Loano (Savona).
 
I tre sarebbero secondo la polizia i capi del gruppo che commercializzava i cuccioli su internet per profitti che in un anno si aggirano intorno al milione di euro.
 
Sempre in carcere sono finiti un commerciante di animali, 33 anni di Rimini e un napoletano di 45 che forniva i documenti falsi per il trasporto e la vendita. Ai domiciliari una collaboratrice del gruppo, una giovane di 36 anni di Cesenatico, che rispondeva alle domande degli acquirenti su internet, e un commerciante di Santarcangelo di 60, fermato ieri mattina all'aeroporto di Bologna di rientro da un viaggio in Spagna.
Otto gli indagati a piede libero, tra cui il proprietario di un canile abusivo, 41 anni di Napoli, a Villaricca (Napoli).
 
L'indagine, denominata 'Luxury Dog', coordinata dal procuratore Elisabetta Melotti e dalla sostituta Paola Bonetti, è partita l'anno scorso dopo le denunce di una quarantina di padroni di cuccioli acquistati su internet e morti pochi giorni dopo la consegna.

Polizia di frontiera, squadra mobile di Rimini, con la collaborazione del Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia, Sirene, di due Team EnFast (Rete Europea delle Unità Ricerche Attive Latitanti) e delle squadre mobili di Milano, Alessandria, Bergamo, Savona, Napoli, coadiuvata dalle guardie ecozoofile di 'Fare Ambiente' hanno quindi individuato i componenti del gruppo che dovrà ora rispondere di associazione per delinquere, traffico di animali da compagnia, maltrattamento, truffa, falsità materiale, frode in commercio e abusivo esercizio di professione.
 
I cuccioli venivano maltrattati soprattutto durante il trasporto in auto dalla Slovacchia nelle varie destinazioni italiane: tenuti in trasportini piccoli, anche 20 esemplari per volta, senza acqua né cibo, i cuccioli spesso morivano durante il viaggio.
 
La polizia ne ha salvato un centinaio, tutti dati subito in affido.
 
Un’analoga iniziativa giudiziaria sarà presa contro chi sarà accusato di reati analoghi. Lo rende noto il presidente nazionale, Dino Muto.
 
"Procederemo ogni volta a tutela degli animali - ha spiegato Muto - e in particolare contro chi compie queste truffe impietose e continua ad alimentare un traffico di cani dai Paesi dell'Est tramite l'importazione e il commercio illegale di cuccioli". L'operazione delle forze dell'ordine, ha concluso, "è stata molto importante per la salvaguardia dei cani di razza, per il benessere degli animali e per la difesa degli allevatori dell'Enci che con passione e competenza operano in Italia".
 
Fonte: ANSA
Comments powered by Disqus
Top