Le foto e il video rarissimi di tre cuccioli di Gatto delle Sabbie

12/10/2017

Il 26 aprile di quest’anno alle 2 del mattino circa, Gregory Breton, direttore di Panthera France e il suo collega Alexander Sliwa stavano per fare ritorno dalla loro spedizione notturna, quando hanno scoperto qualcosa che non avevano mai visto prima.
 
Dalle tenebre sono spuntati all’improvviso tre paia di occhi brillanti. Quando i due scienziati hanno diretto le luci su di loro, hanno scoperto che si trattava di tre cuccioli di Gatto delle Sabbie che si nascondevano fra i cespugli.
 
L’evento è piuttosto raro e quello che i due uomini hanno girato è forse era il primo filmato di giovani Gatti delle Sabbie che siano mai stati documentati in natura.
 
Gregory e la sua squadra erano nel deserto del Sahara in Marocco per una spedizione finale per documentare le tracce dei Gatti delle Sabbie: una specie felina notturna e così schiva che raramente è stata vista in natura.
 
Quando il suo collega Alexander Sliwa ha acceso le luci spot sul tetto della loro jeep, qualcosa da lontano nei cespugli ha attirato la sua attenzione.
 
La cosa è successa proprio poco prima che i due uomini decidessero di tornare indietro e così per un eccezionale colpo di fortuna hanno scoperto i cuccioli a circa quattro chilometri dal loro campeggio.
 
Con la loro videocamera con visione notturna, sono stati in grado di riprendere chiaramente queste rare creature: tre piccoli cuccioli con le loro grandi orecchie e la morbida folta pelliccia color sabbia.
 
Individuare questa specie è un compito molto difficile in quanto non lasciano nessuna traccia sulla sabbia e sono molto tranquilli e furtivi per tutta la giornata e la notte. Sono bravissimi a nascondersi e il colore del loro manto permette loro di mimetizzarsi perfettamente nel loro habitat naturale.
 
I ricercatori hanno stimato che i tre gattini potessero avere dalle sei alle otto settimane di età.
 
"Crediamo che questa sia la prima volta che dei ricercatori hanno ripreso dei cuccioli di Gatto delle Sabbie nel loro habitat", ha dichiarato Gregory.
 
Dopo aver raccolto dati e filmati sufficienti, la squadra ha accuratamente imballato l’attrezzatura, cercando di non spaventare i gattini e proprio in quel momento hanno visto un Gatto delle Sabbie adulto nelle vicinanze che molto probabilmente era la madre dei cuccioli.
 
I due ricercatori sono entusiasti dei risultati e sperano di poter fare ulteriori ricerche su queste meravigliose creature, poiché gli studi sui Gatti delle Sabbie sono ancora terribilmente limitati e incompleti.
 
"Fino ad oggi abbiamo scoperto 29 diversi Gatti delle Sabbie, a 13 dei quali siamo riusciti a far indossare un radio collare e abbiamo raccolto alcuni dati sorprendenti", ha dichiarato Gregory.
 
"Per esempio, i Gatti delle Sabbie si stanno spostando molto più di quanto si pensava potessero fare e più di quanto abbiano mai fatto altri piccoli gatti, ma ancora non sappiamo perché".
 
Per guardare il video clicca qui
 
Foto e Fonte: Love Meow
Comments powered by Disqus
Top