Il piccolo gorilla orfano crea un legame speciale con l'uomo che lo ha salvato

29/05/2020
roppi gorilla vengono cacciati attraverso il bracconaggio illegale spesso lasciando orfani piccoli.


Quando Bobga arrivò in un centro faunistico del Camerun, in Africa, era un orfano e così giovane aveva bisogno di cure specialistiche da parte del personale dell'asilo del centro.


Ma per l'uomo che ha salvato e curato il piccolo Bobga sarebbe stato ricompensato con tutto l'amore e gli abbracci che questo piccolo gorilla poteva dare.


Un'immagine di Bobga che abbraccia l'uomo che l'ha salvato e curato per lui mentre entrambi pisolino è stato rilasciato ed è uno spettacolo bellissimo da vedere.


Il Limbe Wildlife Center (LWC) ha salvato migliaia di animali bisognosi vittime del commercio illegale di animali selvatici. I piccoli gorilla salvati sono generalmente orfani perché le loro madri sono state uccise per carne di arbusti o tenute come animali domestici in condizioni inadatte.


La coordinatrice della raccolta fondi dell'organizzazione Laura Craddock ha colto l'adorabile momento in cui la scimmia ha coccolato il suo accompagnatore Alvin Muma mentre entrambi facevano un pisolino.


"È importante che un gorilla orfano, come Bobga, si senta al sicuro con il suo custode e qui queste immagini catturano teneri momenti di riposo tra Bobga e uno dei suoi custodi dedicati, Alvin", ha detto Laura a Caters.


Ai gorilla viene offerto un ambiente sicuro e un sacco di stimoli per aiutare con la loro riabilitazione.


"Bobga ha un recinto grande e sicuro in cui rimane e dorme quando non è fuori a giocare nella scuola materna", ha detto Laura. "Ricerca, gioco, apprendimento delle abilità sociali, stimolazione della curiosità, arrampicata e cura sono tutti elementi cruciali della sua riabilitazione."


Laura ha affermato che LWC non solo offre agli animali bisognosi una seconda possibilità, ma educa la comunità locale alla protezione ambientale e offre un impiego alternativo alle ex comunità venatorie.


Foto fonte The Animal Club
 
Comments powered by Disqus
Top