Gli errori più comuni che si commettono con i gatti

29/06/2018
Non c'è da stupirsi che i gatti siano i pet più diffusi in Italia e nel mondo: sono adorabili, misteriosi e affascinanti. Potremmo stare a guardarli per ore mentre si muovono con grazia e agilità, e amiamo coccolarli e viziarli con bocconcini e carezze. Ma siamo sicuri di conoscere davvero il nostro micio?
 
Chiunque viva con un gatto lo ama, spesso alla follia, e lo riempie di attenzioni. A volte però, può capitare che queste attenzioni siano eccessive o sbagliate, e finiscano per dargli fastidio. Siamo sicuri di sapere quali sono le cose che lui probabilmente odia? Ecco un elenco:
 
  1. Coccole e carezze (se in eccesso)
La differenza principale tra un cane e un gatto? Sta in un vecchio detto: "Se un cane ti salta in braccio, è perché ti ama; se lo fa un gatto, è perché il tuo grembo è più caldo".
I cani, infatti, amano quasi sempre le coccole; i gatti quando... ne hanno voglia. Per molti gatti, essere afferrati, accarezzati o seguiti da vicino è fonte di stress. Sono loro a dirci quando hanno voglia di attenzioni, miagolando o strusciandoci sulle nostre gambe.
Per regolarci, prestiamo attenzione al loro linguaggio corporeo: basta un po' di attenzione per capire se i nostri gesti di affetto li mettono a disagio.
 
  1. Mancanza di attenzioni
Ci sono gatti timidi e gatti che amano stare al centro dell'attenzione, ma tutti hanno una cosa in comune: non vogliono sentirsi abbandonati. Anche se i nostri impegni ci costringono per molte ore fuori casa, lasciare il nostro micio solo a lungo può essere un problema: l'ansia da abbandono può portarlo a crisi di aggressività, con danneggiamento di oggetti (dai divani graffiati agli "incidenti" fuori dalla lettiera).  Quando torniamo a casa dal lavoro, perciò, non dimentichiamo di dedicare 10 minuti al nostro gatto: renderà felice e rilassato lui, ma anche noi.
 
  1. "Invasori" nel suo territorio
I gatti sono animali territoriali e ogni nuova presenza nel loro spazio può essere fonte di stress; vale per i bambini (che amano molto i gatti ma spesso non sono riamati) ma anche per i cani o gli altri gatti. Se ne portate uno nuovo in casa, anche se cucciolo, fate attenzione a come i due interagiscono: l'istinto ad affermarsi come esemplare "alfa" può causare lotte e zuffe anche feroci.
 
  1. Rumori molesti
Clacson, tuoni, fuochi d'artificio, urla o musica alta, ma anche uno starnuto brusco, possono allarmare un gatto e far scattare la sua aggressività: è la risposta alla paura e alla sensazione di pericolo. Se non possiamo evitare i rumori esterni, cerchiamo almeno di non sbattere le porte o urlare tra le pareti di casa.
 
  1. Il taglio degli artigli
Questa pratica, che a noi può sembrare normale, è un trauma per il gatto, che può sentire un forte dolore e diventare stressato e vulnerabile. Il taglio è sconsigliato in particolare per i gatti che sono abituati a uscire all'esterno, perché li priva delle loro difese naturali.
 
  1. Viaggi
Ai gatti viaggiare non piace affatto: da creature abitudinarie, amano la loro routine e il loro territorio. In più, un veicolo in movimento può creare loro stress e disagio anche fisico, con episodi di vomito. Se proprio dobbiamo spostarci con il nostro gatto, il trasportino è indispensabile: un animale agitato in braccio può scappare e saltare nell'abitacolo della macchina come una scheggia impazzita, con gravi rischi per noi e per lui!
 
  1. Odori molesti
I gatti non hanno l'olfatto sviluppato come i cani, ma anche per loro questo è un senso importante. E se il loro profumo preferito è probabilmente il vostro odore, ce ne sono altri che non amano: meglio evitare di usarli in casa. Gli odori più "odiati" dai felini? Agrumi, banana, aceto, lettiera sporca (be', non sorprende), pesce non fresco, e, last but not least, altri gatti. I gatti detestano anche l'odore di alcune piante che possono essere dannose per loro, come l'eucaliptus. La natura è saggia!
 
  1. Carezze sulla pancia
Come noi, anche i gatti hanno dei punti deboli: se vogliamo accarezzarli, c'è un punto del corpo assolutamente da evitare: la pancia. Il loro istinto li fa sentire in pericolo quando vengono toccati in quell'area, che è la sede di tutti gli organi vitali. Per le nostre carezze, scegliamo la base del mento, delle orecchie, della coda, e il muso, appena dietro i baffi. Le fusa non mancheranno!
 
  1. L'acqua, naturalmente
Il luogo comune è proprio vero: i gatti odiano l'acqua. Con qualche eccezione: il gatto Turco Van, razza di colore bianco-rosso che nuota tranquillamente nel lago della Turchia da cui prende il nome. Se il vostro gatto non appartiene a questa razza, meglio evitare di fargli il bagno: a pulirsi se la cava benissimo da solo.
 
  1. Non avere uno spazio tutto per sé
Per un gatto, avere una "confort zone" è fondamentale. Per questo dobbiamo creare per lui un angolino - una cuccia, uno stanzino, ma anche una scatola di cartone foderata - dove possa stare tranquillo quando ne ha voglia. I gatti non amano i contatti forzati con gli esseri umani, e dar loro uno spazio per stare in solitudine è un gesto d'amore e rispetto.   
 
Questo elenco, probabilmente, non è completo: perché ogni gatto ha la sua personalità e, come sa ogni proprietario, ci sorprende tutti i giorni con nuove passioni, nuovi gesti e nuovi gusti. Conoscerli e osservarli è una sfida, ma anche uno spettacolo affascinante, che ce li rende ancora più cari!

Sulla pagina Amici Speciali Coop, la linea Coop dedicata al Pet Food, trovi approfondimenti sui prodotti, consigli del veterinario e molte informazioni utili per prenderti cura del tuo amico a 4 zampe!
 

A cura di Giunti Editore
Comments powered by Disqus
Top