Giovane scimpanzé vola verso la libertà e decide che il pilota ha bisogno del suo aiuto

06/03/2018

Il giovane scimpanzé di 3 anni di nome Mussa si fidava poco degli esseri umani… Dopotutto, erano stati loro che lo avevano portato via da sua madre da cucciolo e sempre uno di loro lo teneva prigioniero da diversi anni. Ma nel momento in cui Mussa è salito su un aereo con il pilota Anthony Caere, si è fidato completamente di lui!
 
All'inizio di questa settimana, i funzionari del Parco Nazionale Virunga e del Centro di riabilitazione dei primati di Lwiro (CRPL) hanno confiscato Mussa da una casa privata in una città chiamata Beni, situata nella Repubblica Democratica del Congo (RDC).
 
"Viveva con un espatriato che aveva anche tre coccodrilli in casa con lui", racconta Itsaso Velez del Burgo, direttrice tecnica di CRPL, a The Dodo. "Non sappiamo se stesse cercando di venderlo, o se volesse tenerlo come animale domestico".
 
Se l'espatriato avesse voluto vendere Mussa come un animale esotico, avrebbe guadagnato molti soldi: i giovani scimpanzé possono essere venduti per oltre $ 12.000 e sono spesso venduti a compratori in paesi come la Cina e l'Egitto.
 
Purtroppo, molti scimpanzé muoiono durante il trasporto.
 
Non è chiaro come questa persona sia entrata in possesso di Mussa, ma Itsaso spiega che molto probabilmente per portarlo in cattività sua madre deve essere stata uccisa.
"Non puoi sottrarre un cucciolo ad una madre senza ucciderla", dice.
 
Martedì, il pilota Anthony Caere è andato a prendere Mussa per portarlo al santuario CRPL - un viaggio che è stato ripreso in un video pubblicato su Facebook.
 
Ma prima di far salire Mussa sull'aereo, il pilota ha voluto valutare il suo stato d'animo.
 
"Cerchiamo di accertarci che lo scimpanzé non sia troppo stressato", ha spiegato Anthony, un pilota anti-bracconaggio che lavora nel Parco Nazionale Virunga. "Altrimenti, bisogna metterlo in una gabbia perché sarebbe troppo pericoloso il viaggio in aereo. Ma quando l'ho visto e ho fatto dei versi da scimpanzé, è corso da me e mi è saltato tra le braccia... abbiamo subito stabilito un legame".
 
Anthony ha sistemato un morbido cuscino sul sedile accanto a lui per Mussa, ma Mussa aveva altri piani… "Preferiva stare seduto sulle mie ginocchia e tenersi stretto alla mia gamba", disse Caere. "Aveva davvero bisogno di un contatto".
 
Quando Anthony ha avviato l'aereo e ha preso il volo, Mussa ha iniziato ad imitare tutto ciò che faceva il pilota.
 
"Era molto curioso e ogni volta che toccavo un pulsante o la manetta, lui faceva lo stesso", racconta Anthony. "Quando ho messo la mia mano sulla cloche, lo ha fatto anche lui".
 
Ma il momento preferito di Anthony è arrivato più tardi durante il volo. "C'è stato un momento in cui entrambi stavamo guardando fuori dalla finestra insieme e stavo toccando la sua testa con la mia e lui si è spinto indietro verso di me", racconta il pilota.
 
"Ho fatto un po' di toelettatura per diventare suo amico e non si è mai dimostrato stressato", ha aggiunto Anthony. "Ho avuto l'impressione che gli piacesse davvero il volo".
 
Quando l'aereo è atterrato, Itsaso era una delle persone in attesa di incontrarli e Mussa ha subito preso in simpatia anche lei.
 
"Quando ha visto Itsaso per la prima volta, l’ha vista come una mamma... e le è saltato tra le braccia", racconta Anthony. "E penso che sia stato uno dei momenti più belli."
 
Ora Mussa vive nel santuario con altri quattro giovani scimpanzé salvati da situazioni simili: Busakara, Kashebere, Nishuli e Kalima.
 
"Il primo giorno è stato un po' difficile per lui", ha detto Itsaso. "Penso che abbia passato troppo tempo senza vedere altri scimpanzé. Ma ora inizia ad andare d'accordo con gli altri e sta iniziando a giocare con loro, anche se è ancora più attaccato ai guardiani".
 
Mussa alla fine verrà rilasciato di nuovo in libertà, ma prima, ha bisogno di crescere e apprendere le basilari abilità di sopravvivenza.
 
Itsaso spera anche che il video del volo non induca le persone a volere uno scimpanzé come animale domestico: "Quando sono piccoli, possono sembrare carini e maneggevoli", spiega. "Ma quando diventano grandi diventano molto forti e aggressivi. Non sono nati per essere animali domestici".
 
Mussa appartiene alla natura selvaggia ed è lì che Itsaso e il team CRPL cercheranno in ogni modo di riportarlo.
 
Per vedere il video del volo di Mussa clicca qui
 
Foto e Fonte: The Dodo
Comments powered by Disqus
Top