Gattina salvata dall’autostrada non era quello che sembrava

08/10/2019

Due settimane fa, Jill Hicks stava guidando per incontrare gli amici per cena quando vide qualcosa che le fece cadere il cuore: un minuscolo animale che correva lungo la strada, pronto a virare nel traffico.

 

"All'inizio pensavo fosse un coniglietto solo perché la pelliccia era così soffice", ha detto a The Dodo Jill, che vive a Chattanooga, nel Tennessee. “Mi sono avvicinata e ho capito che era una gattina. Mi fermai e aprii la portiera della macchina e la lasciai aperta in modo che il traffico potesse rallentare. E sono andata verso la gattina. "

 

Jill fu in grado di afferrare la gattina prima che si imbattesse nel traffico in arrivo.

 

"L'ho avvolta in un maglione che avevo in macchina con me e l'ho tenuta vicino a me", ha detto Jill. “Pensavo fosse un gattino che qualcuno aveva buttato fuori, quindi ho pensato che potesse essercene di più. Quindi stavo chiamando altri gatti dicendo: "Gattino, gattino, gattino", pensando che sarebbero venuti da me più gattini. Ma non ho mai visto una mamma o più bambini. "

 

Hicks decise di riportare la gattina a casa sua, anche se ciò significava essere in ritardo o perdere completamente la cena.

 

"L'ho messa in macchina con me, e mi ha arrampicato su tutto il corpo, mi si è arrampicata dietro la nuca, è salita sul sedile del passeggero", ha detto Hicks. “Ho dovuto fermarmi un paio di volte per farla trovare, e alla fine l'ho messa in grembo, avvolta nel maglione e la accarezzavo. "

 

Jill ha un grosso cane e un gatto più grande a casa, quindi portare il gattino in casa non sembrava una buona idea. Così Jill ha preparato per la gattina un posto confortevole nel garage, completo di una lettiera e ciotole di cibo per gatti e acqua. Ha anche fatto un letto per lei infilando il maglione in una scatola di cartone.

 

Jill ha pubblicato una foto della gattina salvato su Facebook insieme a una richiesta che qualcuno la adotti. Poi è partita per la sua cena. Quando Jill tornò un paio d'ore dopo, progettò di portare la gattina in casa (dopo aver messo in sicurezza i suoi animali domestici in un'altra stanza), dandole un bagno e portandola a letto con lei. Ma invece, Jill ha avuto un grande shock.

 

"Il mio vicino dall'altra parte della strada è arrivato correndo", ha detto Jill. "Ha detto," Jill, hai ancora quel gattino? "E io ho detto," Sì, lo so. "Ha detto," Posso vederlo? Penso che potrebbe essere un gatto selvatico. Hai letto tutti i post su Facebook dall'immagine che hai pubblicato? '"

 

Jill e il suo vicino andarono a controllare la gattina, che si nascondeva nella scatola di cartone. Jill raccolse la gattina e cercò di capire la vera identità del piccolo animale.

 

 “Sapevo che aveva una coda corta quando l'ho vista per la prima volta, ma non l'avevo esaminata completamente fino a quando non sono tornata da cena. Ci sono gatti con code corte e tozze, ma alla fine questo era un po 'appuntito e aveva una piccola macchia bianca. E aveva iniziato a sentirsi un po 'sibilante ... e ringhiando un po'. Quindi ho detto: "Sì, potrebbe essere un gatto selvatico". "

 

Dopo la sua sorprendente scoperta, Jill ha scritto un altro post su Facebook. "Ok, quindi non importa il rehoming di questo" gattino "che ho trovato sul lato della strada", ha detto il post. "Apparentemente ho salvato un piccolo gatto selvatico." Il post è diventato virale.

 

Hicks sapeva che un animale selvatico non avrebbe apprezzato il bagno e dormiva in un letto con un essere umano, ma non voleva nemmeno lasciare la gattina selvatica da sola nel garage. Quindi ha dormito in garage con lei.

 

"Circa ogni 30 minuti, accendevo la luce e cercavo di assicurarmi che fosse brava", ha detto Hicks. “Le ho fatto bere molta acqua. Non ha mai mangiato niente quella notte, ma ha mangiato del tonno la mattina successiva. ”

 

Il giorno successivo, Jill entrò in contatto con Juniper Russo, direttore di For Fox Sake Wildlife Rescue. Russo ha accolto il piccolo gatto selvatico, che si stima abbia circa 7 settimane.

Ia gatta selvatica - ora chiamata Arwen - si è rivelata molto anemica, quindi Russo l'ha aiutata a tornare forte e in salute.

 

"Arwen ha sviluppato l'anemia poco dopo il suo arrivo, probabilmente a causa di molteplici fattori tra cui l'improvvisa separazione da sua madre", ha detto Russo a The Dodo. “Aveva bisogno di alcuni giorni di terapia intensiva, ma ora sta andando molto bene. Mi aspetto che avrà bisogno di cure fino alla prossima primavera. Quando verrà il momento, verrà rilasciata in una zona selvaggia protetta. "

 

"È sempre meglio per i piccoli animali selvatici stare con le loro madri naturali quando possibile", ha aggiunto Russo. "Anche con la migliore cura, le migliori possibilità di sopravvivenza di un cucciolo sono sempre con sua madre. Ma nel caso di Arwen, ricongiungersi con sua madre non era un'opzione perché era stata trovata vicino a una strada molto trafficata e il suo sito era sconosciuto. "

 

Negli ultimi giorni, Arwen è diventata più aggressiva, il che è segno che si sente meglio.

"È impavida e audace e non ha interesse per gli umani, che è esattamente ciò che speriamo di vedere", ha scritto il salvataggio su Facebook.

 

Jill non sarà in grado di vedere di nuovo Arwen poiché il salvataggio cerca di ridurre al minimo il contatto umano con i suoi animali.

 

"Quel giorno ha rubato un pezzettino del mio cuore e lo avrà per sempre", ha detto Jill.

 

Foto e fonte The Dodo

 
Comments powered by Disqus
Top