Da un solo maialino alla costruzione di un vero santuario

22/11/2017

Lo scorso maggio, Alesja Daehnrich ha ricevuto una telefonata dall’Harnett County Animal Control del Nord Carolina.

Gli ufficiali del controllo animali avevano salvato 15 maialini dalle mani di un accumulatore compulsivo e avevano chiamato Daehnrich, che gestisce il The Blind Spot Animal Sanctuary, per sapere se ci fosse posto per gli animali, in caso contrario i poveri maialini sarebbero stati venduti all’asta al miglior offerente che avrebbe potuto far di tutto a quei poveri animali.

Il problema era che Daehnrich e suo marito avevano già 21 maiali nel loro santuario, tre dei quali venivano dalla stessa proprietà dell’accumulatore seriale.

La coppia non aveva spazio per altri 15 maiali ma il pensiero che sarebbero stati venduti all’asta spezzava il cuore di Daehnrich.

Quei poveri maialini avevano solo bisogno di alcune cure veterinarie e un po’ di tempo per potersi fidare nuovamente dell’uomo”, riferisce Daehnrich.

A quel punto Daehnrich e suo marito si sono subito messi all’opera costruendo nuovi recinti per accogliere altri animali.

Grazie alla partecipazione di altre organizzazioni di soccorso, il lavoro si è concluso rapidamente e i 15 maialini sono stati accolti a braccia aperte.

Daehnrich e suo marito, entrambi tedeschi, hanno iniziato a salvare animali da fattoria quattro anni fa dopo aver acquistato 5 ettari di terreno a Durham.

Hanno iniziato a salvare anatre, cavalli e galli e lo scorso anno hanno salvato il loro primo maiale di nome Kevin che era stato abbandonato dalla sua famiglia perché “troppo ingombrante”.

La sua vecchia famiglia lo aveva acquistato da un allevatore che aveva riferito che Kevin non sarebbe cresciuto troppo ma così non è stato”, riferisce Daehnrich.

Pochi mesi dopo, Daehnrich e suo marito, hanno adottato Piggeldy e Holly che vagavano per le campagne.

 Gli allevatori di suini spesso spacciano i loro maiali per maiali da compagnia che rimangono piccoli, questo fa si che la gente poi si ritrova un maiale vero e proprio in casa e non potendolo gestire cerca di sbarazzarsene.

“Il direttore del santuario Pig Pals of NC, il dott. Penny Jeffrey, salva maiali da oltre 20 anni e ci ha detto che in pochissimo tempo ci saremmo riempiti di maialini nel nostro santuario”, riferisce Daehnrich.

“All’inizio abbiamo riso perché non potevamo credere alle parole di Penny”.

Solo quest’anno Daehnrich ha salvato 35 maiali più 4 capre e un asino.

Attualmente nel santuario vivono 27 maiali: Kevin, Piggeldy, Holly, Fern, Edgar, Charlotte, Peaches, Tom, Jerry, Curly, Moe, Sam, Larry, Wilson, Betty, Blue, Milka, Josie, Tina, Oliver, Norbie, Andy, Griffin, Doogan, Duncan, Arnold e Norman.

“Si può dire che sono nostri figli”, riferisce Daehnrich.

“Ci prendiamo cura di loro come se fossero i nostri bambini”.

Mio marito Alex è molto attento e premuroso quando cura i maialini”.

“Quado prepariamo la colazione o la cena, Alex non si fida di nessuno perché vuole che ogni pasto venga preparato individualmente. Taglia frutta e verdura per ogni ciotola e pesa la pappa di ogni maialino, non c’è spazio per errori”.

Daehnrich e Alex non puntano a tenere tutti i maiali che salvano ma il loro scopo è trovare una casa ideale per gli animali ma ovviamente non è facile.

“Non tutti sanno come tenere i maiali e non capiscono che un maiale è come un bambino”, riferisce Daehnrich.

“I maiali sono animali molto intelligenti e non sono facili. Abbiamo tutte le sicurezze del caso perché Kevin è capace di aprire qualsiasi cassetto”.

“Molte persone vengono da noi per vedere i maiali e capire se sono animali adatti a loro, noi diamo tutte le spiegazioni del caso e loro ci ringraziano per l’onestà”, riferisce Daehnrich.

“Se queste persone fossero andate da un allevatore avrebbero sicuramente avuto informazioni sbagliate”.

Fortunatamente, alcuni maiali salvati da Daehnrich e Alex hanno trovato la loro famiglia ideale.

Non avremmo potuto immaginare case migliori per i maialini che abbiamo fatto adottare”.

“Tutti i maialini adottati sono felici. Siamo sempre in contatto con le famiglie che hanno adottato da noi e vedere le foto della loro crescita è commovente”.

“Grazie a queste adozioni abbiamo più spazio per salvare altri animali in pericolo”.

Ovviamente i maialini che non vengono adottati rimangono nel santuario per sempre.

Non possiamo immaginare le nostre vite senza queste incredibili creature”, riferisce Daehnrich.

Ci danno tanta gioia e vedere i loro simpatici musetti non ha prezzo”.

Vi lasciamo alla gallery del santuario.

 
Foto e fonte: Thedodo.com
Comments powered by Disqus
Top