Bimba diventata cieca trova la forza di affrontare tutto nel suo cane guida

30/11/2017

Quando la figlia di 11 anni di Lisa Bustani, Gabby, improvvisamente ha perso quasi del tutto la vista a luglio scorso, a causa di una rara malattia genetica degli occhi, i medici hanno incoraggiato la famiglia a cercare un cane guida.
 
"Era fuori a giocare nel cortile il quattro di luglio e improvvisamente non poteva più vedere", ha raccontato Lisa a The Dodo. "È successo tutto così in fretta. La malattia ha causato cecità in tutte le sette generazioni della nostra famiglia, ma Gabby è stata la più giovane".
 
Gabby, che era un’appassionata giocatrice di calcio e aveva ricevuto una borsa di studio per unirsi a un campionato competitivo pochi giorni prima della perdita della vista, improvvisamente si è ritrovata a dover imparare a camminare con un bastone, leggere e scrivere in Braille. Affronta dolorose emicranie e vertigini causate dalla pressione dei suoi occhi, che la fanno cadere di frequente. Questo drastico e sconvolgente cambiamento ha comportato per la piccola Gabby anche problemi di ansia e molti dei suoi amici hanno smesso di andarla a trovare perché "non sapevano come reagire", racconta la madre Lisa.
 
Ma quando Gabby ha incontrato Hannah, una femmina di Cane di San Bernardo di 1 anno in adozione attraverso With Love for the Animals, all'inizio di questo mese, ha trovato l'amica più devota di tutti e la sensazione sembra sia stata reciproca!
 
"Il loro legame è stato immediato e indissolubile", racconta Lisa. "Non appena Gabby si è avvicinata, Hannah si è girata mostrando la pancia come se stesse aspettando un abbraccio. Gabby l'ha abbracciata ed era fatta: è stato come se entrambe sapessero che avevano bisogno l'una dell'altra".
 
In precedenza salvata da un proprietario che la teneva tutto il tempo fuori alla catena, Hannah si è subito inserita nella famiglia Bustani e non ha più lasciato un attimo la sua piccola umana. Anche senza alcuna formazione professionale, Hannah si accorge subito quando a Gabby inizia a girare la testa e si piazza di fronte a lei o tra le sue gambe per impedirle di cadere.
 
"Guida naturalmente Gabby ad ogni passo, anche sulle scale", racconta Lisa. "E’ sempre al suo fianco."
 
Vedendo che Hannah era molto dotata, Lisa si è messa in contatto con un addestratore professionista che poteva insegnare a Hannah varie attività come supporto fisico, recupero di oggetti e guida. L'allenatore ha accettato di iniziare la formazione, mentre Gabby, convalescente dopo una recente operazione agli occhi, doveva stare a riposo per sei-otto settimane, ma la famiglia ha avuto bisogno di aiuto per raccogliere i fondi per coprire i costi.
"L'allenatore è stato molto generoso e ha offerto il servizio a meno della metà del costo normale", ha spiegato Lisa. "Dovendo già pagare per la chirurgia di Gabby, abbiamo bisogno dell'aiuto per poter iniziare una vita il più vicino possibile alla normalità."
 
Oltre al supporto che darà a Gabby, Hannah sarà addestrata anche ad anticipare le convulsioni per aiutare il fratello maggiore di Gabby, che è epilettico. In dieci giorni da quando ha iniziato una campagna GoFundMe, la famiglia Bustani ha raccolto poco più di $ 5.400 su un obiettivo di $ 7,000.
 
"Gabby era in ospedale ed aveva paura, e poco a poco, i suoi amici hanno iniziato a sparire", racconta Lisa. "Quando è tornata a casa, Gabby era arrabbiata e ha cominciato a piangere, Hannah le si è avvicinata e ho sentito Gabby dirle: 'Hannah, sei la mia migliore amica e tu mi ami, non importa nient’altro.' Le lacrime sono scomparse e Gabby ha sorriso perché Hannah era lì. Hannah ha cambiato tutto per la nostra bambina".
 
Con questa nuova amica al suo fianco, Gabby ha anche scoperto un'enorme passione per gli animali e sta già dicendo a sua madre che vuole fare volontariato nei rifugi per animali locali, quando sarà guarita dall'intervento. E nonostante i momenti difficili che ha vissuto, Gabby mantiene il morale alto, sapendo che la sua famiglia e Hannah sono lì per lei.
 
"La sera prima del suo intervento, eravamo al Ronald McDonald House e lei stava disegnando immagini per gli altri bambini lì", racconta Lisa. "Ci ha detto 'Sono sana e va bene se non riesco a vedere, perché Dio ha altri piani per me.' Nonostante tutto, lei è sempre la stessa bambina felice e gioiosa. L’ingresso di Hannah nelle nostre vite è stato una benedizione. È stata una guaritrice per tutti noi".
 
Foto e Fonte: The Dodo
Comments powered by Disqus
Top