La corretta alimentazione per il gatto

02/12/2014
La corretta alimentazione per il gatto

La corretta alimentazione del gatto

Il fabbisogno energetico del gatto varia in funzione del peso, dell’età, del sesso e dell’attività dell’animale (vedi tabella in basso). E’ importante quindi fargli seguire una dieta equilibrata a base di cibo fresco, anche se a volte può risultare laborioso perché non è facile calcolare il contenuto calorico degli alimenti utilizzati. Molto più semplice è utilizzare alimenti pronti che, in genere, riportano sulla confezione il contenuto calorico per 100 g di alimento.

Paragone fra cibi umidi e secchi per gatti

La densità energetica media di un alimento di mantenimento completo e bilanciato secco è compresa fra 3800 e 4300 kcal per chilogrammo di prodotto, mentre un alimento umido completo e bilanciato presente in commercio non apporta più di 1000 kcal per chilogrammo di prodotto, a causa del contenuto in acqua. Per soddisfare quindi i propri fabbisogni energetici, un gatto dovrebbe ingerire un quantitativo di alimento umido 3 o 4 volte superiore rispetto a quello che dovrebbe assumere con un alimento commerciale secco.

Alcune regole generali per l’alimentazione del gatto 

Dovete sempre somministrare il pasto al vostro micio a temperatura ambiente. Più la dieta è varia, più l’alimentazione risulterà completa, il che significa fornire il corretto apporto di zuccheri, grassi, proteine, vitamine, sali e fibre al vostro animaletto. Cuocete sempre carne e pesce (è sufficiente una rapida scottatura), cercando di aggiungere alla razione pasta, riso, cereali e verdure; se il gatto gradisce grissini o cracker (perché li sente croccanti) dategliene pure dei pezzetti.
 
Evitate il latte vaccino e i formaggi stagionati perché possono causare problemi intestinali, sono ottimi invece quelli freschi, come la ricotta. Non abituate i mici a mangiare i dolci (anche se i più, al contrario dei cani, normalmente li disdegnano): eviterete inutili problemi di obesità. Ovviamente viziare un gatto con un pezzettino di brioche, mentre fate la colazione mattutina, non è così grave, l’importante è sempre non esagerare, mentre non dovete somministrare mai, nel modo più assoluto, ossa di pollo o di coniglio.

Fabbisogno energetico giornaliero*
* Per chilo di peso

Dall’inizio dello svezzamento ai 70 giorni: 250 kcal
Dai 70 giorni ai 5 mesi: 130 kcal
Dai 5 mesi ai 7 mesi: 100 kcal
Gatto adulto: 7080 kcal
Nel primo mese di gravidanza: 7080 kcal
In gravidanza a partire dal 2° mese: 100 kcal
Durante l’allattamento: 250 kcal

Fonte: Waltham Center for Pet Nutrition

RIPRODUZIONE RISERVATA

Si ringrazia per i contenuti Giunti Editore - De Vecchi

Comments powered by Disqus
Top