Il gatto e le patologie dell'apparato gastroenterico

02/12/2014
Il gatto e le patologie dell'apparato gastroenterico

Il gatto e le patologie dell’apparato gastroenterico

Le patologie dell’apparato gastroenterico del gatto sono: esofagiti, gastriti, ulcere, enteriti, stipsi.

Esofagiti

Le esofagiti sono frequenti nei gatti in seguito ad una cura a base di farmaci. È molto importante che ai medicinali dati per via orale faccia sempre seguito del cibo o un po’ di acqua per non infiammare l’esofago e causare stenosi (restringimenti) che potrebbero dare luogo a rigurgiti al gatto. Il megaesofago, invece, è una dilatazione dell’esofago che procura rigurgiti abbondanti di cibo che non ha ancora raggiunto la cavità gastrica.

Grastriti

Le gastriti insorgono improvvisamente e si manifestano con vomito, riduzione dell’appetito e a volte con ricerca spasmodica di erba da ingurgitare. Alcune forme sono secondarie a problemi allergici o ormonali legati soprattutto alla tiroide.

Ulcere

Non rare nel gatto, le cause dell’ulcera sono legate all’assunzione di alcuni farmaci, in special modo gli antinfiammatori, e a insufficienze renali gravi. Il sintomo principale è il vomito, a volte con sangue, e/o feci scure per la presenza di sangue digerito.

Enteriti

Le enteriti possono essere causate da errori dietetici, da batteri e da virus. Sono caratterizzate da vomito, diarrea a volte emorragica, inappetenza e perdita di peso, accompagnati a volte da febbre. Vanno menzionate alcune particolari forme di enterite, come l’IBD (Inflammatory Bowel Disease), l’enterite linfoplasmacellulare, eosinofilica e granulomatosa, i cui sintomi (vomito cronico con episodi saltuari di diarrea) sono sovrapponibili. La distinzione di queste forme è possibile con l’esofagogastroduodenoscopia (EGD) e il prelievo di una piccola parte di mucosa intestinale per effettuare una biopsia. Le enteriti parassitarie sono, invece, causate dai vermi: abbastanza frequenti nei gatti cuccioli o in quelli che escono in giardino, i sintomi più comuni sono diarrea, a volte con dimagramento.

Stipsi

La stipsi è una patologia spesso imputabile a feci conglutinate con matassine di pelo (tricobezoari), soprattutto nei gatti a pelo lungo, ma non si deve mai escludere la presenza di corpi estranei incuneati nell’intestino o anche di tumori.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Si ringrazia per i contenuti Giunti Editore - De Vecchi

Comments powered by Disqus
Top