Il gatto e le disfunzioni endocrine

02/12/2014
Il gatto e le disfunzioni endocrine

Il gatto e le disfunzioni endocrine

Le disfunzioni endocrine nel gatto dipendono da tiroide, paratiroidi e pancreas.

Tiroide

Nel gatto la tiroide è bilobata e si colloca a livello della parte più alta della trachea. Il disturbo funzionale più frequente nel micio è l’ipertiroidismo, per il quale ci sono segni clinici piuttosto evidenti che ne fanno sospettare la presenza, come: perdita di peso, tachicardia, irrequietezza, aumento dell’appetito, alcune volte vomito, altre diarrea. Spesso questa disfunzione si rivela in concomitanza con le cardiomiopatie ipertrofiche.

Paratiroidi

Le paratiroidi nel gatto sono quattro, misurano pochi millimetri e sono praticamente inserite nella tiroide e la loro funzione è quella di regolare i livelli di calcio nell’organismo. L’iperparatiroidismo da insufficienza renale è la disfunzione più presente nel gatto, che purtroppo determina una grave osteoporosi la quale, sommandosi all’insufficienza renale, peggiora il quadro clinico del micio.

Pancreas 

Il pancreas è una ghiandola che serve a controllare i livelli di zucchero nel sangue (glicemia) e, infatti, il diabete mellito è la disfunzione più comune di questa ghiandola. Il gatto diabetico presenta, in funzione della gravità, disidratazione, aumento della sete e della minzione, disappetenza, vomito, mantello secco e opaco nonché lesioni nervose che si manifestano con un’alterata deambulazione posteriore (andatura a plantigrado). Le aspettative di vita sono buone, sempre che i proprietari collaborino eseguendo la terapia a base di insulina e controllando la dieta del micio.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Si ringrazia per i contenuti Giunti Editore - De Vecchi

Comments powered by Disqus
Top