Esotico

02/12/2014
Esotico
L’Esotico è il Persiano a pelo corto; è un bellissimo gatto dagli occhi da orsacchiotto e dall’aria infantile che attira le simpatie del grande pubblico degli appassionati gattofili. È il micio ideale per coloro che amano la compagnia e la maestosità del Persiano, ma che non possono dedicare molto tempo alla cura del suo pelo: infatti, a differenza del Persiano, il suo mantello ha il pelo corto. Si tratta indiscutibilmente di un grande vantaggio, soprattutto durante il periodo della muta: il suo pelo non invaderà ogni angolo della casa. L’Esotico è affettuoso e bonaccione, ma non bisogna dimenticare che sopporta malvolentieri di essere trattato e maneggiato come un giocattolo.

ORIGINI
La storia dell’Esotico non è antica e le sue origini sono “artificiali”: fu creato casualmente, in America all’inizio degli anni Sessanta del Novecento. La selezione della razza durò circa dieci anni. Inizialmente si accoppiarono Persiani e Burmesi, poi Persiani e American shorthair e, infine, Persiani e British shorthair. In tutti questi casi si scelsero degli esemplari dal pelo corto, dalla testa rotonda e dal corpo robusto, al fine di ottenere un gatto con la dolce espressione e le caratteristiche morfologiche del Persiano e una pelliccia folta, lanosa e molto morbida ma corta. Anche se il percorso per giungere a creare l’Esotico è stato lungo e difficoltoso, oggi è considerato il gatto americano per eccellenza. La razza venne riconosciuta ufficialmente nel 1967 grazie all’interessamento di Jane Martinke, giudice del CFA.

CARATTERE
Grazie a un’attenta selezione, il carattere dell’Esotico è stato reso il più domestico possibile. È intelligente, simpatico, curioso e dolce. Come il Persiano adora il comfort e la tranquillità, ma si dimostra meno indifferente e più attivo, alternando alla tranquillità momenti di vivacità: sempre all’erta e attento a ciò che gli accade intorno, gioca con tutti gli oggetti che si muovono rievocando l’istinto da cacciatore, con tutta probabilità ereditato dall’antenato Burmese. È molto riservato, miagola poco e, all’insegna della pigrizia, adora le lunghe pause di riposo.

MORFOLOGIA
La mole robusta e compatta rende l’Esotico un gatto potente ma non molto agile. Di corporatura robusta e mediogrande, appare corto e tozzo. Ha un’ossatura pesante, la muscolatura ben sviluppata, il petto e le spalle larghe. La testa è ampia e tonda, con fronte alta e rotonda. Il muso è corto e ampio, con guance ben sviluppate e arrotondate. Il naso è corto ed è collocato appena sotto gli occhi, che devono essere sporgenti. Il collo è molto robusto e corto. Le orecchie sono piccole, ben distanziate tra loro, arrotondate in punta e ricche di pelo al loro interno. Gli occhi sono tondi, molto grandi e distanti fra loro; il colore deve essere intenso e brillante. Le zampe sono corte, hanno un’ossatura grande e sono sostenute da piedi tondi e tozzi che presentano ciuffi di pelo interdigitali. La coda è corta, anche se proporzionata al corpo, ed è ricoperta da pelo molto folto. Il mantello non ha pelo fluente e aderente al corpo, è folto, denso e molto morbido.

MANTELLO
Le varietà di colori e di disegni che caratterizzano il mantello dell’Esotico sono quelli validi per il Persiano. Gli occhi in genere sono color arancio e rame, con l’eccezione del bianco, che ammette anche occhi blu, del silver tabby, che prevede i colori verdi o nocciola, del cincillà e dello shaded silver, che vogliono il colore verde.

CURE
Il cucciolo rimane in stretto contatto con la madre per circa due mesi. Intorno ai quaranta giorni l’allevatore interviene per abituarlo alla presenza dell’uomo: gli offre il cibo, lo accarezza e gli insegna “le buone maniere”. L’Esotico cresce molto rapidamente, si dimostra timido e un po’ pauroso, ma non fatica ad abituarsi al suo neopadrone e alla sua nuova casa. Per i primi giorni è, però, utile mantenere e rispettare le abitudini, la dieta e gli orari che hanno caratterizzato la vita dell’allevamento. In seguito non risentirà di eventuali cambiamenti d’abitudini e d’ambiente. Particolare attenzione merita la pulizia degli occhi: vanno puliti frequentemente con cotone idrofilo imbevuto di camomilla o acqua. Il pelo non richiede cure particolari; è sufficiente spazzolarlo una o due volte la settimana. Solo durante il periodo della muta, che avviene in primavera, è opportuno aumentare la frequenza della toelettatura.

Mamme e cuccioli
Le femmine dell’Esotico sono delle mamme molto protettive, attente e affettuose. Durante i primi giorni di vita non abbandonano mai la loro prole e, con molta insistenza, la sol- lecitano a nutrirsi del loro latte. I micini non si fanno pregare e in breve diventano forti e vigorosi: gia` verso i trenta giorni sono in piena attivita` ludica. Il temperamento docile e affettuoso della madre e` trasmesso ai piccoli: lo dimostrano prima tra loro e successivamente con l'uomo.

Cod. EMS: EXO

Standard: AACE, ACF, ACFA, CCA, CFA, FIFé, GCCF, LOOF, SACC, TICA, WCF

Exotic, Exotic kurzhaar, Exotic shorthair, Exótico

RIPRODUZIONE RISERVATA

Si ringrazia per i contenuti Giunti Editore - De Vecchi

Comments powered by Disqus
Top