L'esperto Veterinario: domande e risposte

Se hai bisogno di informazioni sull'alimentazione, la cura e l'educazione del tuo amico a quattro zampe.

Ilaria Canzi
Ilaria Canzi
DMV
Federica Tonali
Federica Tonali
DMV
Elena Sgamma
Elena Sgamma
DMV
fai una domanda

DOMANDA/risposta

Gravatar
Francesca

Buongiorno. Vorrei avere una vostra opinione. Ho un australian silky terrier di almeno 15- 16 anni (da 11 anni è con noi ma era un trovatello di almeno 4 o 5 anni, a detta del veterinario). Fino ad un mese fa saltava da un divano all'altro, mangiava anche se non era vorace come prima. Da 10 giorni a questa parte non sta bene e non siamo riusciti a trovare un veterinario bravo, non gli hanno mai fatto una visita. Hanno solo toccato la prostata del cane e detto che aveva un linfonodo. Per fortuna fa regolarmente pipì, non puzza, non vi è traccia di sangue ed è di un bel colore. Stesso dicasi per gli escrementi, anche se adesso sono molto morbidi ma non liquidi.
Elenco i sintomi da 10 giorni a questa parte, così come sono avvenuti (da dicembre 2017 sente poco niente, cataratte e denti fortemente segnati dal tartaro).
Il primo campanello d'allarme è stato quando non ha mangiato la carne macinata. Lo stesso giorno non vedeva l'acqua nella ciotola, mia sorella ha dovuto riempirla tutta ed avvicinargli il muso, così a bevuto. Il giorno dopo ha smesso di mangiare e beveva a malapena.
Ha cataratta (bilaterale). Per tre giorni girava per casa senza meta come se volesse prendere le misure tra gli oggetti. Inizialmente andava avanti per tutto il giorno, nei giorni precedenti era solito farlo durante la notte e le prime ore della mattina mentre il giorno riposava. Qualche volta disegnava un cerchio. Sbatteva la testa, soprattutto il musino, contro qualsiasi cosa, lo strusciava contro i muri. Ce ne siamo accorti dalla bava marroncina (può essere per via dello spray dentifrici Denta Sure usato? Abbiamo riscontrato un netto miglioramento) ritrovata sul muro (era solito infilarlo nelle fessure che tenessero il muso come bloccato. Qualche giorno fa seguiva mia sorella con la testa e quando lei ha sbattuto le mani davanti al suo muso si è spostato all'indietro.
I pochi denti rimasti, due dei quali (molare e premolare, la cui gengiva si è retratta) in procinto di cadere, sono doloranti se vengono toccati. Inoltre fa un strano rumore coi denti ed a volte capita che li sbatta. Le gengive sono rosa chiare. Nei primissimi giorni teneva la lingua fuori di lato, poi ha cominciato a tenerla così solo quando camminava e non sempre tutta ma solo la punta mentre quando riposava (e riposa tutt'ora) la tiene dentro. Sbava pochissimo.
Dato che per qualche giorno non ha mangiato e non ha bevuto volontariamente, gli abbiamo somministrato solo 3/5 siringhe d’acqua al giorno. Pochissime siringhe di omogenizzato diluito con brodo. Quando inseriamo la siringa a volte deglutisce a volte no, lo fa solo se la lingua viene stimolata.
Per due giorni ha vomitato 2 volte, lontano dal poco cibo ingerito (dopo 7 o più ore dall'aver mangiato). Il vomito si presenta per lo più marrone.
In quei giorni dormiva e la sera diventava attivo anche se giorno 2 agosto ha camminato male, come se si trascinasse e non si reggesse in piedi.
Il tartufino non era umido come al solito ma un po' secco. A parte i denti, se viene toccato o preso in braccio, non si lamenta. Cercava il contatto fisico e non vuole star solo. Russa raramente quando dorme e il rumore è meno forte, potrebbe essere dovuto al fatto che in questo frangente di tempo sia dimagrito? Prima era più cicciottello.
Da giorno 2 gli occhi secernano liquido giallognolo (sembrerebbe congiuntivite) che stiamo pulendo con impacchi di camomilla.
Fino a giorno 2 agosto: pesava 5,7 kg; il battito cardiaco a riposo era di 70 al minuto; la frequenza respiratoria era di 14 al minuto, sempre a riposo.
Da giorno 2 pomeriggio, essendo parecchio disidratato stiamo facendo delle flebo (alternando una di glucosio con stimulfos) ed un'altra di sodio cloruro.
Sta mettendo su peso. Urina (non puzza ed è sempre "bella", non contiene tracce di sangue) e defeca (senza tracce di sangue di un marroncino scuro ma non troppo) e quando lo fa cerca di camminare per andare fuori dalla cuccia ma io lo trattengo accarezzandolo e quindi la fa in loco. Sembrerebbe anche che poi gli dia fastidio rimanere lì perché sia ieri che oggi si è alzato ma trascinando le zampette posteriori per andare sul pavimento. Cambia spesso posizione. Il giorno non viene mai lasciato solo e la notte io e mia madre dormiamo sul divano vicino alla copertina bella alta dove lui dorme e quindi noto tutto questo. Ha ricominciato a russare. Ieri da una narice perdeva un pò di muco. Inoltre reagisce agli stimoli ad esempio gli dà fastidio essere lavato (gli laviamo la parte bassa quando si sporca il sederino di cacca), quando l'altro fratellino peloso, gli annusa le zampette lui le muove.
Cerca spesso di alzarsi e camminare ma è come se le zampe posteriori non lo reggessero. Lo sorreggo leggermente e lui riesce a stare ma dopo un po' si siede e dopo un altro po' si sdraia a pancia in giù (non sul fianco come faceva spesso prima). Si lecca spesso il muso. Ogni tanto ma, molto meno rispetto a prima, sbatte i denti. Quando viene accarezzato a volte scodinzola. Il giorno tiene le orecchie ritte. Oggi ho notato che sbava con un po' di sangue.
Sta facendo la flebo. I battiti cardiaci sono scesi a 55 e i respiri a 12.
So che dovrei trovare un altro veterinario fisico ma ho letto molto bene di lei e vorrei un suo parere. Cosa potrebbe essere? Quanti giorni di flebo ci vuole per dargli l'energia necessaria? Dorme più di prima perché è stanco, disidratato con l'aggiunta di caldo e vecchiaia o per via della flebo o perché avrà qualcosa? Siamo disperati. Ed io non voglio perdere la speranza.
Vi ringrazio infinitamente e so che senza una visita vi è difficile fare una diagnosi.

Canzi
Dott.sa Ilaria Canzi

Buongiorno, 
putroppo per rispondere in modo esaustivo alla sua domanda una visita clinica è imprescindibile. Le consiglio di trovare un veterinario di fiducia che esegua una visita clinica e approfondimenti diagnostici (come per esempio esami ematologici, radiografia ed ecografia) per arrivare ad una diagnosi. 
Cordiali saluti 

Top