L'esperto Veterinario: domande e risposte

Se hai bisogno di informazioni sull'alimentazione, la cura e l'educazione del tuo amico a quattro zampe.

Ilaria Canzi
Ilaria Canzi
DMV
Federica Tonali
Federica Tonali
DMV
Elena Sgamma
Elena Sgamma
DMV
fai una domanda

DOMANDA/risposta

Gravatar
Marco

Buonasera, ho una cagna di 5 anni, segugio dell'appennino, cane da seguita che uso a caccia. Da 2 anni mi sono accorto che ha delle crisi epilettiche, ora gli sono aumentate e alcune durano anche mezzora.Il veterinario mi ha prescritto del gardenale (similare), da dargli 2 volte al giorno per sempre e senza mai interrompere. Non me la sono ancora sentita di iniziare, in quanto non so se poi il cane ne risentirà nell'attività venatoria (troppa tranquillità sonnolenza ecc.), oltretutto mi fa paura il fatto di non poter interrompere la cura, (per esempio quando sono in ferie avrei dei problemi). Preciso che il cane per adesso quando non ha le crisi è molto attivo e non ha cambiato il suo atteggiamento, vispo e un corridore instancabile. L'altro giorno mi hanno consigliato di dargli quando ha le crisi del plasil, dovrebbe fargli passare subito la crisi stessa, sarebbe la mia soluzione ideale, poi però ho letto nelle controindicazioni che non va somministrato a soggetti epilettici. La domanda è : esiste qualcosa che quando il cane a le crisi si posa iniettare/supposte ecc. per fargliela passare, naturalmente senza rischiare di aggravare altri aspetti o modificarne il comportamento? grazie.

Tonali
Dott.sa Federica Tonali

Salve, la tutela della salute del proprio cane è un dovere inalienabile. Detto questo, se la terapia è stata prescritta le consiglio di seguire ciò che il suo veterinario le ha dato, tenendo conto che il gardenale non pregiudica le prestazioni venatorie ma aiuta il cane ad avere una vita normale. Cordiali saluti

Top