L'esperto Veterinario: domande e risposte

Se hai bisogno di informazioni sull'alimentazione, la cura e l'educazione del tuo amico a quattro zampe.

Ilaria Canzi
Ilaria Canzi
DMV
Federica Tonali
Federica Tonali
DMV
Elena Sgamma
Elena Sgamma
DMV
fai una domanda

DOMANDA/risposta

Gravatar
Antonino

Salve, ho un chow chow maschio fulvo di 6 anni (appena compiuti) che presenta un problema da diversi mesi.
È iniziato tutto da una ferita sul piede sinistro, che la veterinaria sostiene essere un callo, che il cane ha ulcerato generando un granuloma da leccamento, e la stessa cosa si è presentata successivamente sul piede destro. Dopo diversi tentativi di fasciatura decidiamo di mettere il collare elisabettiano e la veterinaria ci dice di trattare con Repygel le ferite (siamo a febbraio).
Contemporaneamente si genera una ferita sui testicoli con produzione di essudato, è un'oscheite, il cane ne ha già avuta una due anni fa ma in maniera meno aggressiva senza produzione di essudati.
La dottoressa ci dice di trattare con gentamicina, ma la situazione non migliora e il cane, ogni qualvolta gli si sfiori la ferita urla di dolore e ringhia (non ha mai assunto comportamenti del genere, da ciò deduciamo che sono dovuti al dolore troppo acuto). A questo punto la veterinaria ci dice di trattare con antibiotico per bocca "Amoxbactin" e cortisone "deltacortene25mg" e di pulire con acqua la ferita di volta in volta, la situazione migliora ma terminato l'antibiotico la ferita continua a produrre essudato ma non è dolente.
La veterinaria ci dice di trattare con repygel e lavare puntualmente con acqua, come stiamo già facendo sui calli dei piedi che nel frattempo migliorano anche se molto lentamente.
L'oscheite sta guarendo, la veterinaria ci dice di lavare con uno shampo a base di clorexidina. Ma la ferita dopo un po' ricomincia a produrre essudato.
I piedi che erano quasi guariti restano statici per un po' di tempo.
Siamo a luglio e la situazione è invariata, i piedi sono statici, ci sono due piccoli calli, mentre l'oscheite è guarita e se n'è formata un'altra meno grave in altri due punti.
Sono sei mesi che il cane porta il collare elisabettiano e che non esce di casa, se non per controlli veterinari, e continuiamo a mettere repygel a periodi alterni.
Non sappiamo più che cosa fare. Che cosa mi consigliate? Purtroppo non ci sono veterinari migliori in zona, non posso chiedere altri pareri. Già due anni fa abbiamo dovuto cambiare veterinario per il problema dell'oscheite.
Vi dico inoltre che il cane soffre di dermatite atopica ormai cronica, di natura ambientale, abbiamo provato moltissimi mangimi anallergenici e specifici per questi problemi, ma l'alimentazione non è la causa. Da ormai molti mesi mangia solo Schesir al pesce e al pollo indicati per cani con cute sensibile.
Inoltre abbiamo anche analizzato con la veterinaria il problema degli antiparassitari, ma dopo varie prove abbiamo concluso che i parassiti non centrano nulla. Comunque lo trattiamo con Simparica nei mesi caldi e con pipette naturali Beaphar nei mesi invernali.
Lo laviamo con shampoo RibesPet ultra con frequenza. E soltanto quando ha avuto questo genere di ferite aperte abbiamo usato shapoo alla clorexidina (malaseb o therapet).
Secondo la veterinaria la dermatite atopica è un problema sconnesso dall'oscheite e dai calli sui piedi.
Vi ringrazio anticipatamente.

Canzi
Dott.sa Ilaria Canzi

Buongiorno, 
è un problema complesso e per darle una risposta esaustiva sarebbe necessaria una visita clinica ed approfondimenti diagnostici. Le consiglio di rivolgersi il prima possibile ad un dermatologo per una visita specialistica. 
Cordiali saluti 

Top