L'esperto Veterinario: domande e risposte

Se hai bisogno di informazioni sull'alimentazione, la cura e l'educazione del tuo amico a quattro zampe.

Ilaria Canzi
Ilaria Canzi
DMV
Federica Tonali
Federica Tonali
DMV
Elena Sgamma
Elena Sgamma
DMV
fai una domanda

DOMANDA/risposta

Gravatar
Mara

Salve, circa tre mesi fa abbiamo adottato una cagnolina meticcia da un'associazione che si occupa di animali abbandonati. Al momento pesa 10 kg e dovrebbe avere tra i 6 e i 7 mesi, considerando che ha cambiato tutti i denti. Da quando è con noi è sempre stata molto molto vivace, forse troppo, e l'educatore che ci segue presso il centro cinofilo che abbiamo scelto ci ha sempre detto essere ansiosa. Faccio degli esempi: le "feste" esagerate e incontenibili dopo la nottata passata da sola o al rientro di un membro della famiglia che non vedeva da qualche ora o lo scodinzolante assalto a persone in visita; il tirare insistente al guinzaglio (non a scuola con gli altri cuccioli - lì è sempre concentrata e ubbidiente - ma in contesto casalingo); il bisogno di attenzioni costante durante la giornata che si manifesta con continui inviti al gioco tramite abbaio e pizzichi. Noi abbiamo seguito le indicazioni che ci sono state date cambiando anche strategia se non vedevamo risultati e, credo, un po' per questo e un po' per la crescita le cose sono migliorate. Ora però da tre giorni è arrivato un altro cucciolo, un maschio, sempre meticcio e sempre preso in canile, che dovrebbe avere sui 4 mesi. Si sono conosciuti in territorio neutro, ci sembrava che si piacessero e siamo tornati tutti insieme a casa. Il primo giorno sembrava andasse bene: erano un po' esuberanti e lui ha fatto la mossa di montarla plurime volte (ma lo ha fatto anche con noi e lo abbiamo corretto), ma giocavano. Dal giorno successivo invece abbiamo notato che ognuno cerca di imporsi sull'altro: lui si mette in mezzo quando lei si avvicina a noi (e lei si arrabbia), lui non le permette di giocare con nulla (e lei si arrabbia), lei pratica mosse di wrestling di cui non la facevo capace per spodestarlo dalla cuccia. Più che giocare, quindi, ormai è un bisticcio continuo. Raramente ringhiano e raramente li abbiamo sentiti guaire, e se quando mi sembra esagerino attiro la loro attenzione e impartisco a entrambi il seduto lo eseguono aspettando la ricompensa. Non stiamo intervenendo particolarmente, se non quando ci sembra esagerino, ma ci chiedevamo quanto tempo potrebbero impiegare per stabilizzarsi. Sappiamo che è normale che si instauri una gerarchia tra i due e che non è automatico che il cane che già abitava con noi diventi "capobranco". Non nascondo che la nostra speranza era che potessero tenersi compagnia a vicenda, ma la priorità è che entrambi stiano bene anche se magari non si ameranno alla follia. Potete darci qualche indicazione generale su cosa fare (e soprattutto cosa non fare) noi padroni per non fare danni? Purtroppo l'educatore è in ferie e non ci risponde... Scusate il lungo messaggio e grazie in ogni caso per l'attenzione

Tonali
Dott.sa Federica Tonali

Salve, la relazione tra i due cani come la state gestendo va bene. Devono imparare a sopportarsi.
Cordiali saluti

Top