L'esperto Veterinario: domande e risposte

Se hai bisogno di informazioni sull'alimentazione, la cura e l'educazione del tuo amico a quattro zampe.

Ilaria Canzi
Ilaria Canzi
DMV
fai una domanda

DOMANDA/risposta

Gravatar
Riccardo

Buongiorno,
domenica notte ho perso il mio boxer di 9 anni. Nell'ultimo periodo non stava molto bene, il primo giugno era stato operato per la terza volta di mastocitoma cutaneo, ma si era ripreso benissimo. Ecografie, ecocardio ed esami del sangue nella norma, tutto OK. Da 15 gg. soffriva di irrigidimento delle zampe posteriore. La lastra aveva mostrato una quasi fusione delle vertebre L5-S1. Prendeva Altadol al bisogno e aveva iniziato cura omeopatica a base di antiinfiammatori naturali e protettori. Alternava giorni buoni in cui camminava senza problemi, ad altri in cui faceva fatica perfino ad alzarsi.
Sabato scorso aveva trascorso una giornata ottima, e così anche la domenica mattina, per cui avevo deciso di non dargli le due compresse di Altadol prescritte. Nel pomeriggio, i primi sintomi di malessere, del tutto simili a quando gli veniva male alle zampe: immobilità, apatia, mancanza di appetito. Avevo notato arrossamento di occhi, gengive e orecchie, ma non aveva mai avuto la febbre in vita sua, e non gli ho dato peso. Così, pensando al mal di schiena, gli ho dato Altadol. Lui si è rannicchiato sul divano, tranquillo. Siamo usciti per un paio d'ore, e tornando l'abbiamo trovato che rantolava: respiro affannoso e superficiale, molto rumoroso. Siamo corsi in clinica. Presentava tachicardia (215 la frequenza), febbre a 41, insufficienza respiratoria.
La dott.ssa ha messo in atto il protocollo da colpo di calore: intubato con ossigeno, alcol ai polpastrelli, raffreddamento corporeo, flebo, ecc. È andato avanti per 45 minuti così. La febbre e la tachicardia sempre costanti. La dott.ssa ha poi fatto esami del sangue: lattato alle stelle, alti anche urea, creatinina, glucosio (145, anche se non mangiava dalla mattina). La dott.ssa gli ha fatto anche antibiotico, diuretico, e altre iniezioni che non ricordo.
A un certo punto, il cuore si è normalizzato (frequenza 80-85), la febbre è rimasta sempre oltre 40. Di colpo, è andato in arresto respiratorio. La dott.ssa lo ha rianimato con il soffietto, ma dai polmoni ha cominciato a uscire un liquido trasparente arrossato. Il cane è morto subito dopo.
Per la dott.ssa sembrava setticemia, anche se il cane non si era mai ferito (non in maniera visibile almeno).
I miei due veterinari propendono per il colpo di calore. Ma il cane era quasi sempre rimasto in casa, e non aveva mai mostrato iperventilazione. Anche la febbre non è mai scesa nonostante le pratiche di raffreddamento.
Capisco che fare una diagnosi sia impossibile, ma non riesco a farmene una ragione. Che idea ci si può fare?
Grazie mille e cordiali saluti.

Canzi
Dott.sa Ilaria Canzi

Buongiorno,
Purtroppo non avendo visitato il cane non posso darle una risposta. Se vuole avere indicazioni sulla causa della morte del suo cane sarebbe indicata una autopsia.
Mi dispiace per la sua perdita
Cordiali saluti  

Top