L'esperto Veterinario: domande e risposte

Se hai bisogno di informazioni sull'alimentazione, la cura e l'educazione del tuo amico a quattro zampe.

Ilaria Canzi
Ilaria Canzi
DMV
fai una domanda

DOMANDA/risposta

Gravatar
Damiano

Salve scrivo da Milazzo (ME), il mio cane, una femmina di volpino/spizzie nato a ottobre 2001 e quindi oggi 13 anni e mezzo, sino al mese di maggio 2015 non aveva mai avuto nessun problema di salute, a maggio 2015 appunto ha avuto il primo problema legato ad un tumore (non maligno) nella zona ovarica, ha perso molto sangue ma dopo i controlli di rito, ecografia all'addome, al cuore, analisi del sangue ecc, l'intervento è perfettamente riuscito; in tale occasione la ns. veterinaria ha notato anche altri piccoli tumoretti nelle zone delle mammelle e ci ha consigliato di asportarle, per cui , a distanza di due mesi, i primi di luglio li abbiamo fatti asportare e fin qui tutto bene; da qualche settimana, in occasione di un salto per salire sul divano, cosa che faceva spesso, la cucciola ha incominciato a camminare con la schiena inarcata verso l'alto e perdere l'equilibrio, effettuati i controlli dal veterinario neurochirurgo ed eseguita TAC, lo stesso ha riscontrato un'ernia (non ricordo in quale zona dei dischi) , l'ha tenuta in osservazione 5 giorni praticando solo cura farmacologica con cortisone ed antinfiammatori, ma purtroppo non ci sono stati grossi miglioramenti; CI SCONSIGLIA L'INTERVENTO CHIRURGICO, sia per l'età, sia perchè leggermente anemica, ma ripetiamo i risultati del controllo al cuore sono nella norma e secondo noi si potrebbe eseguire l'intervento che il veterinario dice che sarebbe risolutivo del problema ma che ripeto ci sconsiglia e ci ha detto di continuare la cura farmacologica a casa unità a fisioterapia, ma vederla in quelle condizioni, barcollare e non reggersi in piedi ci dà pena.Nessun altro problema neurologico.
Chiedo gentilmente un Suo cordiale parere.
Mi riservo di fornirle, a richiesta, ulteriori chiarimenti.
grazie

distinti saluti

Aspesi
Dott. Alessandro Aspesi

Gentile Sig. Maisano,
da quello che ci descrive l'animale risulterebbe, dal punto di vista anestesiologico, un caso non particolarmente complicato.
Vista però l'età dell'animale, immagino che la collega preferisca evitare l'intervento chirurgico a causa della lunga e complicata riabilitaizone post intervento.
Purtroppo non avendo visitato l'animale e non avendo le sue cartelle cliniche ci è molto diffcile valutare se sia il caso di operarla o meno; sicuramente, nel caso in cui la terapia farmacologica dia risultati importanti, sarebbe opportuno continuare con quella, procrastinando il più possibile l'intervento.

Ci sentiamo di consigliarle di seguire le indicazioni del suo veterinario curante.
Seprando di averla aiutata,
cordiali saluti

 

Top