Tricocefalosi

06/08/2015
Tricocefalosi

Tricocefalosi

La tricocefalosi è una malattia parassitaria sostenuta dal Trichuris vulpis, i cui adulti vivono nel cieco e nel colon dove svolgono attività ematofaga. Questa patologia è estremamente diffusa nell’ambiente urbano per la notevole resistenza delle uova, di aspetto caratteristico a forma di limone (si vedono però solo al microscopio), che vengono emesse con le feci. Al loro interno, per un arco di tempo variabile, si sviluppa la larva che rappresenta la forma intestinale. Quando le uova vengono ingerite le larve si liberano, penetrano nelle pareti intestinali ed evolvono nelle forme adulte.
 
La sintomatologia è più o meno grave in base all’entità dell’infestazione. Caratteristica di questa parassitosi è la diarrea ciclica (ossia dura qualche giorno e poi si ripresenta dopo circa 20 giorni). Causa emissione di feci di color giallo ocra, ma con striature di sangue, mentre nelle forme croniche i sintomi sono poco appariscenti.
 
La diagnosi può risultare difficoltosa perché le uova non vengono eliminate costantemente e quindi per un accertamento attendibile sono necessari più esami fecali a distanza di tempo.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Si ringrazia per i contenuti Giunti Editore - De Vecchi

Comments powered by Disqus
Top