Shock anafilattico

02/12/2014
Shock anafilattico

Shock anafilattico nel cane

Lo shock anafilattico è una eccessiva risposta immunitaria dell’organismo del cane nei confronti di allergeni (sostanze responsabili della reazione allergica) come farmaci, vaccini, alimenti, punture di insetti. Nel cane, a differenza dell’uomo, l’organo di shock (ossia l’organo colpito in maniera primaria dalla sostanza allergenica) è il fegato: in seguito al passaggio in circolo dell’allergene i vasi epatici si contraggono e questo provoca un blocco della circolazione del sangue a livello intestinale ed epatico che può determinare la morte per collasso cardiocircolatorio.

Cosa fare in caso di shock anafilattico

La gravità del quadro clinico non è strettamente correlata alla quantità di sostanza assunta dal cane. I segni clinici si manifestano entro pochi secondi dall’entrata in circolo dell’allergene: il cane ha vomito, diarrea, coliche, eccessiva salivazione, mucose bluastre. Bisogna contattare subito il veterinario.

Come evitare lo shock anafilattico nel cane

Se il cane si è già dimostrato sensibile a una puntura di insetto, sarà meglio munirsi di un apposito farmaco prescritto dal veterinario da inoculargli nel caso di shock. Qualora il cane fosse sensibile a una qualsiasi sostanza farmacologica, è opportuno segnalare al veterinario tale evenienza in modo da evitare l’insorgenza di shock anafilattico.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Si ringrazia per i contenuti Giunti Editore - De Vecchi

Comments powered by Disqus
Top