Corpi estranei

02/12/2014
Corpi estranei

I pericoli dei corpi estranei nel cane

I corpi estranei possono essere: spighe, rametti spinati, semi di piante, schegge di legno, sassi… Quando uno di questi corpi estranei penetra nell’occhio, fra le dita, nei polpastrelli, nel condotto uditivo o nel cavo orale del cane costituisce un pericolo per la salute dell’animale.

Cosa fare quando un corpo estraneo entra nell’occhio del cane

Quando un corpo estraneo entra nell’occhio del cane, l’animale manifesta fotofobia: cerca il buio, chiude l’occhio, c’è un aumento della lacrimazione, cheratocongiuntivite e un fastidio tale da provocare nell’animale atteggiamenti che attirano la nostra attenzione. E’ opportuno effettuare lavaggi e pulizia dell’occhio con acqua borica e ricercare, se possibile, l’eventuale corpo estraneo. Se non ci fosse la possibilità di recarsi rapidamente dal veterinario occorre intervenire urgentemente per evitare che il cane peggiori la situazione strofinandosi l’occhio con la zampa. Si dovrà detergere l’occhio con acqua e poi, se il corpo estraneo è ben evidente, si dovrà togliere con garza sterile. L’uso della pinzetta è sconsigliabile in quanto il cane, agitandosi, potrebbe ferirsi seriamente l’occhio.

Cosa fare quando un corpo estraneo entra nella zampa del cane

I corpi estranei che si possono conficcare nelle zampe del cane sono: sassolini, schegge di vetro e spighe. Il sintomo evidente è che il cane zoppica o non appoggia completamente la zampa a terra. Spesso, l’unico segno visibile della ferita è un piccolo forellino o un taglietto sulla zampa o negli spazi interdigitali. Una volta tagliato il pelo attorno alla ferita, va tolto il corpo estraneo aiutandosi con la pinzetta e, dopo aver disinfettato il taglio con acqua ossigenata, va applicata una pomata antisettica dopo di che è possibile effettuare un bendaggio per non causare infezioni.

Cosa fare quando un corpo estraneo entra nell’orecchio del cane

Nelle situazioni in cui viene interessato il condotto uditivo, il cane assume una posizione particolare della testa: esso, infatti, la tiene rivolta verso il Iato coinvolto, scuotendo continuamente le orecchie a dimostrazione della presenza di un fattore irritante. Se il corpo estraneo è ben visibile, utilizzare una piccola pinza per l’estrazione a cui faranno seguito delle applicazioni di gocce otologiche per alcuni giorni. Se invece non è visibile, ma il cane rende manifesto il suo disagio è opportuno recarsi urgentemente dal veterinario.

Cosa fare quando un corpo estraneo entra nel cavo orale del cane

I sintomi sono differenti a seconda del punto in cui si trova il corpo estraneo: se è nel primo tratto del tubo digerente (per esempio, in bocca o nell’esofago) o nello stomaco uno dei primi sintomi è il vomito, dato che l’animale cerca di espellerlo; se è nell’intestino, il cane accuserà sintomi sempre più gravi fino a quando non riuscirà a espellerlo con le feci; se ciò non fosse possibile l’animale si mostrerà depresso, anoressico, apatico. È meglio astenersi dall’indurre il vomito nella speranza che con esso il corpo estraneo venga espulso, perché molto spesso gli esiti di questa operazione possono risultare decisamente pericolosi per il cane. L’unica cosa è contattare al più presto il veterinario che potrà anche intervenire chirurgicamente all’asportazione del corpo estraneo. In generale, evitate sempre che il cane giochi con oggetti di piccole dimensioni (i sassi, i tappi, le palline da ping pong ecc.) che possano essere accidentalmente ingeriti.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Si ringrazia per i contenuti Giunti Editore - De Vecchi

Comments powered by Disqus
Top