Come curare il cane

02/12/2014
Come curare il cane

Come curare il cane

Fornire cure al cane richiede spesso fermezza e intransigenza da parte del padrone, ad esempio, quando si tratta di dargli una pastiglia, fargli una fasciatura o un’iniezione. Prima il cane imparerà ad accettare anche questi aspetti, prima comprenderà che il suo amico umano lo fa per il suo bene e si sottometterà più facilmente. Non tutti i cani sono tanto docili da lasciarsi curare facilmente: alcuni si ribellano e cercano anche di mordere lo stesso proprietario. Ecco quindi che occorre essere fermi, risoluti e soprattutto mantenere la calma. Allo stesso tempo bisogna conoscere e ricorrere ad alcuni accorgimenti utili per prestargli le prime cure, per somministrargli medicine, per trasportarlo dal veterinario quando è ferito o traumatizzato.

Il ruolo del padrone e del veterinario

In genere il padrone è il primo soccorritore del cane. Per questo è importante che abbia conoscenze basilari per prestare le prime cure in modo adeguato, senza arrecare ulteriori danni all’animale e per essere di aiuto all’attività del veterinario. E’ preferibile che il padrone contatti il veterinario in caso di variazioni evidenti del comportamento o delle abitudini del cane: potrebbe esserci qualche patologia in corso ed agire con tempestività è fondamentale. Specialmente durante il weekend o i giorni festivi, le strutture con reperibilità 24 ore su 24 sono utilissime e sarebbe ottima cosa avere sempre a portata di mano il loro numero di telefono. A seconda del problema, sarà il veterinario a stabilire la necessità di sottoporre il cane alla visita di uno specialista. Nelle emergenze bisogna essere pronti a rispondere a svariate domande quali:

  • Che tipo di incidente ha subito il cane?

  • Sanguina?

  • Da dove?

  • Da quanto tempo?

  • È cosciente?

  • Può camminare?

  • Come è il respiro? (affannoso, rallentato ecc.)

  • Ha febbre?

  • Le fratture sono visibili?

  • Le mucose di che colore sono?

  • Vomita/ha diarrea? Da quanto tempo?

  • Quante volte?

  • Che aspetto ha il materiale vomitato/defecato e quale consistenza ha?

  • Urina normalmente?

  • C’è del sangue nelle urine?

  • Come è l’addome?

  • È disteso ovvero è duro alla palpazione?

  • Il cane soffre alla palpazione?

  • È allergico a qualche farmaco?

Qualora si verifichi uno dei seguenti casi, è necessario recarsi urgentemente dal veterinario:

  • Gravi ferite o fratture

  • Insufficienza respiratoria

  • Grave emorragia

  • Tentativi infruttuosi di vomito oppure vomito ripetuto più volte durante il giorno

  • Diarrea con sangue

  • Stimolo a urinare faticoso e/o doloroso

  • Convulsioni

  • Apatia prolungata

  • In caso di gravidanza: dopo più di 2 ore di contrazioni senza nascita di cuccioli

  • Sospetto di colpo di calore

  • Lesioni evidenti agli occhi

  • Sospetta sindrome di dilatazione-torsione gastrica.

Cosa fare in casi di emergenza

Di fronte ad un’emergenza bisogna sempre cercare di mantenere un atteggiamento calmo, tranquillizzando il cane parlandogli in modo pacato ed avvicinandosi con cautela. E’ importante fare una valutazione dello stato generale del cane e possibilmente monitorare temperatura, battito cardiaco, frequenza respiratoria, contattando immediatamente dopo il veterinario ed avendo cura di riportare un quadro quanto più completo possibile delle condizioni del cane. In caso di incidenti o se si sospettano emorragie interne o altre patologie gravi (dilatazione-torsione gastrica, per esempio) recarsi immediatamente nel più vicino studio veterinario, cercando di mantenere fermo il cane ed evitando movimenti bruschi. Non somministrate alcun medicinale al vostro amico a 4 zampe se non espressamente richiesto dal veterinario, così come manovre particolari o rimedi fai da te. In caso di vomito frequente o diarrea, potrebbe essere utile prenderne un campione da portare al veterinario per l’analisi.

Cosa tenere in casa per curare il cane

Essere previdenti spesso aiuta a non farsi trovare impreparati in situazione di particolare urgenza. Ecco perché poter contare su una cassetta del pronto soccorso completa delle risorse basilari per le prime cure al cane si può rivelare determinante. Che cosa deve comprendere tale cassetta? In linea di massima non dovrebbero mancare:

  • soluzione fisiologica;

  • pomata e lozione antisettica;

  • termometro;

  • forbice sottile e ben appuntita;

  • pinzette;

  • cotone idrofilo;

  • bende;

  • garze sterili;

  • nastro da fasciature non adesivo;

  • cerotto adesivo;

  • cottonfioc;

  • siringhe sterili monouso;

  • i numeri di telefono del veterinario e di una clinica con reperibilità 24h.

Per quanto riguarda i medicinali utili per le cure generiche del cane, si potrebbe pensare all’acquisto di:

  • un collirio decongestionante

  • una lozione per le orecchie

  • dell’olio di vaselina.

Inoltre ogni cane è soggetto a malattie più o meno ricorrenti: tenete quindi sempre una scorta di quei medicinali che solitamente il veterinario prescrive al vostro animale.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Si ringrazia per i contenuti Giunti Editore - De Vecchi

Comments powered by Disqus
Top