Annegamento

02/12/2014
Annegamento

L’annegamento del cane

La condizione di annegamento del cane è simile a quella del soffocamento: l’animale deve essere riportato prontamente a riva e bisogna cercare di svuotare le vie respiratorie dall’acqua ingerita.

Cosa fare in caso di annegamento del cane

Se le dimensioni del cane lo permettono, l’animale va preso per gli arti posteriori e mantenuto a testa in giù, contemporaneamente una seconda persona deve aprirgli la bocca e fare delle compressioni sul torace; se il cane è di taglia grossa è necessario prenderlo attorno all’addome con un braccio e metterlo sulla propria spalla e, anche in questa circostanza, bisogna cercare di comprimere il torace del nostro amico a 4 zampe al fine di cercare di far fuoriuscire l’acqua ingerita. Se si è opportunamente addestrati, è possibile praticare al cane una respirazione “boccanaso”. In generale, dopo aver prestato il primo soccorso a seguito di annegamento del cane, è necessario consultare un veterinario.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Si ringrazia per i contenuti Giunti Editore - De Vecchi

Comments powered by Disqus
Top