Sloughi

20/10/2014
Sloughi
ORIGINI
Presente da millenni in Nord Africa, probabilmente originario dell’Oriente, è considerato dagli Arabi, che disprezzano tutti gli altri cani, un animale nobile (insieme all’altro Levriero “sacro”, il Saluki). In Italia è più conosciuto col nome di Levriero arabo.

ASPETTO E CARATTERISTICHE
È un cane di grande taglia, con ossatura accentuata, muscolatura asciutta e finezza dei tessuti. La testa è più importante di quella del Greyhound, ma senza essere massiccia. Il cranio è piatto, abbastanza largo, arrotondato nella parte posteriore. Lo stop è appena accennato. Il muso ha la forma di un cono allungato, affinato ma senza eccesso, un po’ più corto del cranio. Gli occhi sono grandi, scuri; color topazio bruciato nei soggetti a mantello chiaro. Le orecchie sono inserite alte, pendenti, ben aderenti alla testa. Il torace è profondo; la linea dorsale orizzontale. La groppa è ossuta, molto obliqua. Il ventre retratto, ma meno che nel Greyhound. Gli arti sono secchi, con ossa piatte e tendini ben distaccati. La coda è sottile, scarna, senza frange o peli lunghi: arriva almeno alla punta del garretto. Pelo: raso, fine. Colore: sabbia, sabbia chiaro, sabbia rossiccio, sabbia antracite, tigrato. Tutti con o senza maschera nera e con o senza sella nera. Taglia: maschi 66-72 cm (ideale 68 cm); femmine 61-68 cm (ideale 65 cm).

ATTITUDINI
Dicono che sia il più intelligente dei Levrieri. Riservatissimo verso gli estranei, è però dolce e affettuoso in famiglia, dove si comporta educatamente. È un cane da caccia usato soprattutto per la gazzella; viene spesso impiegato come cane da guardia e anche come cane da corsa nei cinodromi. Non è molto adatto ai bambini, con i quali si rivela piuttosto freddo. Ha un modo tutto suo di comunicare con il padrone, attraverso una mimica particolarmente espressiva. In famiglia è una presenza silenziosa e discreta, mai invadente. Abbaia pochissimo.

SALUTE
È un cane robustissimo. Bisogna solo stare attenti affinché non si procuri ferite durante la corsa su terreni impervi.

DOVE TENERLO
Può vivere anche in appartamento, ma ha bisogno di moltissimo moto.

NOTE
È un cane velocissimo. Un detto arabo sostiene che quando uno Sloughi vede una gazzella che sta tagliando un filo d’erba la raggiunge prima che essa abbia finito di masticarlo.

FCI 188 Gruppo 10

Sloughi, Arabischer Windhund, Arabian greyhound, Lebrel árabe, Levriero arabo

Nazionalità: Marocco

Sezione: 3 Levrieri a pelo corto

RIPRODUZIONE RISERVATA

Si ringrazia per i contenuti Giunti Editore - De Vecchi

Comments powered by Disqus
Top