Setter irlandese rossobianco

20/10/2014
Setter irlandese rossobianco
ORIGINI
Il Setter irlandese venne riconosciuto alla fine del XVII secolo: ma pochi sanno che quello rossobianco è nato prima del rosso, anche se la popolarità di quest’ultimo è esplosa al punto di far rischiare l’estinzione al rossobianco, che fu recuperato e salvato negli anni Venti del secolo scorso.

ASPETTO E CARATTERISTICHE
È un cane che esprime molta forza e potenza, ma senza pesantezza. È armonioso e proporzionato, più atletico che distinto. Il cranio è a cupola, con protuberanza occipitale marcata e stop evidente. Le orecchie sono attaccate livello degli occhi e disposte molto all’indietro, sempre contro la testa. La coda è di lunghezza moderata, non scende più bassa del garretto. Di attaccatura forte, si assottiglia progressivamente verso la punta fine. È portata a livello del dorso o immediatamente al di sotto. Pelo: semilungo sul corpo, lungo e setoso (frange) nella faccia posteriore degli arti e nel padiglione auricolare, sulla gola e sulla coda. Colore: deve essere bianco marcato di rosso unito (macchie nette di colore rosso). I due colori devono essere il più vivaci possibile. Taglia: maschi 62-66 cm; femmine 57-61 cm.

ATTITUDINI
In Irlanda viene allevato soprattutto per la caccia in pianura. È un cane da ferma amichevole, docile e facile da addestrare. La sua natura buona e gentile ne fa un ottimo compagno e un amico, in casa come nei campi. Aristocratico, vivace e sveglio, dietro alla gentilezza nasconde un suo carattere ben determinato, coraggioso e deciso, che emerge durante il lavoro.

NOTE
I cacciatori irlandesi lo considerano superiore al rosso per il suo temperamento più calmo e per il fatto che è più visibile nel paesaggio autunnale.

FCI 330 Gruppo 7

Irish red and white setter, Setter irlandais rouge et blanc, Irischer Rotweisser Setter, Setter irlandés rojo y blanco

Nazionalità: Irlanda

Sezione: 2 Cani da ferma britannici e irlandesi
Sottosezione: 2 Tipo Setter

RIPRODUZIONE RISERVATA

Si ringrazia per i contenuti Giunti Editore - De Vecchi

Comments powered by Disqus
Top