Setter inglese

20/10/2014
Setter inglese
Il Setter inglese è una razza canina di taglia media, originaria dell’Inghilterra rientrante nel gruppo dei cani da ferma.
 
 
Setter inglese: origini
 
Questa razza ha origini a partire dal 1500, il Setter inglese veniva utilizzato nelle battute di caccia.
 
La sua attitudine ad accovacciarsi e strisciare in presenza di una preda interessò molto un calzolaio di nome Laverack.

Laverack rimasto orfano a 14 anni venne adottato da uno zio ricco dal quale ereditò una fortuna che spese nel selezionare questa razza.

Nel 1825 acquistò dal reverendo Harrison una coppia di setter di nome Ponto e Old Moll ai quali si aggiunsero altri 2 esemplari.

Questi esemplari purtroppo non si dimostrarono prolifici a causa della loro consanguineità e mostravano un carattere troppo nervoso.

Un amico di Laverack di nome Llewellin cercò di diminuire questi difetti attraverso l’immissione di incroci di altri esemplari di Setter provenienti da altri allevamenti.
 
Nel 1808 questa razza venne perfezionata e nel 1865 il Setter inglese intraprese la strada verso il successo.

In Italia il Setter inglese a quei tempi venne osteggiato per via della sua eccesiva bellezza, infatti un cane da caccia doveva essere solo robusto, la bellezza era sinonimo di poca propensione al lavoro.
 
Il primo esemplare italiano comparve a Milano in una mostra del 1881 e nel 1920 nacquero i primi allevamenti.

Il Setter inglese cominciò così a conquistarsi fama e simpatia, fino ad arrivare ad essere uno dei cani più apprezzati di sempre.


Foto repertorio: Setter inglese in piedi


Setter inglese: aspetto
 
Il Setter inglese è un cane di meda taglia con un’altezza di 60 cm per i maschi e 56 cm per le femmine.

Il peso dei maschi si aggira intorno ai 30 kg mentre per gli esemplari femmina si aggira intorno ai 28 kg.
 
Il bel Setter inglese attuale deve essere cane che unisca la potenza, senza pesantezza, all’eleganza delle forme; il suo aspetto deve denotare l’attitudine al lavoro; grande facilità di movimenti, muscoli lunghi, buona ossatura, ma non troppo forte, diametri trasversali non molto pronunciati.
 
Il Setter inglese ha la testa lunga e sottile, con muso quadrato e tartufo di colore nero o marrone.
 
Gli occhi del Setter inglese sono grandi, brillanti, dolci, espressivi, denotanti intelligenza; in posizione semi – laterale, di color nocciola scuro il più possibile; tuttavia il colore può essere un po’ meno scuro nei Setter bianchi, bianchi – arancio.
 
Il Setter inglese ha le orecchie con un’attaccatura bassa e portate vicino alle guance.
 
La coda è inserita alta, grossa e robusta alla radice, va diminuendo di grossezza fino alla punta. E’ portata piuttosto bassa che alta, senza deviazione laterale, leggermente incurvata a forma di falce rovesciata, con un’importante frangia di pelo.
 
Il torace del Setter inglese è molto atletico con un petto ben aperto e largo, ha dei muscoli ben sviluppati anche negli arti ed un’ossatura resistente e leggera.
 
Il pelo del Setter inglese è lungo e leggermente ondulato e setoso e presenta spesso una serie di sfumature che esaltano l’estetica. Il colore del mantello può essere: bianco e nero tendente al blu, bianco e arancio, bianco e marrone o tricolore (bianco ma macchie scure con sfocature).


Foto repertorio: Setter inglese seduto


Setter inglese: carattere ed educazione
 
Il Setter inglese è un cane molto dolce e mite, ama molto la compagnia dell’uomo e risulta essere un ottimo compagno di vita. Può vivere in appartamento ma anche in giardino.
 
Il Setter inglese è molto atletico ed è spiccata in lui la propensione alla caccia che lo rende poco adatto ai pigri che non hanno voglia di fare con lui lunghe scampagnate.
 
È un cane perfetto per tutti coloro che sono attivi e socievoli, per le famiglie con bambini e per chi ama passare molto tempo all’aria aperta, il Setter inglese necessita di lunghe passeggiate e frequenti corse.
 
Il Setter inglese si affeziona molto alla sua famiglia e non ama restare solo per molto tempo.

In casa, è dannatamente simpatico: non disturba quasi mai (tranne quando mangi, perché è un pozzo senza fondo), ma quando ha voglia di giocare o di scherzare, cioè spesso, dimostra un’inventiva veramente geniale.
 
Il Setter Inglese può essere leggermente caparbio. Per combattere questo tipo di atteggiamento, è opportuno addestrarlo in maniera affettuosa ma rigorosa fin da cucciolo, importante è stabilire dei limiti che facciano capire qual è il suo ruolo nella famiglia. In questo modo si eliminerà qualsiasi problema di convivenza.
 
Il Setter inglese ha avuto secoli di addestramento per lavorare a distanza dal cacciatore e questo lo porta a prendere decisioni indipendenti dall’uomo, quindi dovrete escogitare metodi divertenti per attirare la sua attenzione.


Foto repertorio: Setter inglese cucciolo


Setter inglese: salute ed alimentazione
 
Il Setter inglese è un cane generalmente sano ma, come ogni razza, sono maggiormente predisposti a contrarre alcune malattie.
 
Le principali malattie che potremmo riscontrare nel nostro Setter inglese sono:
·         Displasia dell’anca
·         Ipotiroidismo
·         Sordità
 
Si raccomanda sempre di vigilare sulla sua salute, in modo da essere sempre sicuri che il nostro cane stia bene e nel caso contrario di rivolgersi in tempo ad un veterinario.
 
Il Setter inglese è un cane molto goloso, quindi bisogna fare molta attenzione alle quantità di cibo perché tende ad ingrassare facilmente.
 
La sua alimentazione deve essere sempre equilibrata, ricca di proteine e di sali minerali. 




SCHEDA TECNICA A CURA DI GIUNTI EDITORE

ORIGINI
È un cane di origine molto remota. Deriverebbe dall’antico Epagneul, il cosiddetto Bracco da quaglie o Chien d’oysel, che costituì una delle forme derivanti dal primitivo Canis familiaris intermedius.

ASPETTO E CARATTERISTICHE
È sicuramente il più bello tra tutti i cani da ferma. È un mesomorfo leggero, il cui tronco sta nel rettangolo. La testa è lunga, asciutta, leggera. Il cranio ha lunghezza uguale a quella del muso. La calotta del cranio è leggermente convessa; gli assi cranio-facciali sono paralleli. Lo stop è accentuato, ma non brusco. Gli occhi sono grandi, espressivi, di color nocciola più scuro possibile (un po’ meno scuro nei soggetti bianco-arancio). Le orecchie sono attaccate basse, pendenti senza scostarsi dalle guance. Il dorso è retto, il rene muscoloso e ben arcuato. Gli arti sono in perfetto appiombo. La coda è inserita alta: grossa e robusta alla radice, si assottiglia fino alla punta; è portata piuttosto bassa che alta, leggermente incurvata a forma di falce rovesciata. Pelo: fine, stirato, di tessitura sericea, lungo 56 cm. Forma frange al collo, alla regione sternale, al margine posteriore degli arti, alle natiche e alla coda. Sottopelo abbondante solo nella stagione invernale. Colore: bianco e nero tendente al blu, bianco-arancio, bianco e marrone, tricolore. Taglia: maschi 52-60 cm; femmine 54-60 cm.

ATTITUDINI
È allegro, vivace, affettuoso, molto attaccato al padrone, dolce con i bambini, buono con gli altri cani. È un eccellente cane da ferma, diffusissimo in tutto il mondo, ma è molto impiegato anche come cane da compagnia e da esposizione.

SALUTE
È un cane robusto che non ha problemi particolari. Bisogna porre solo una certa attenzione alle orecchie, perché è facile che vi si insinuino corpi estranei.

DOVE TENERLO
Può vivere sia in casa sia in giardino, ma deve essere portato spesso a correre.

NOTE
Alcuni allevatori poco scrupolosi si limitano a selezionare le doti estetiche senza badare al carattere e alla passione per la caccia. In Inghilterra si allevano addirittura Setter da esposizione e Setter da caccia come se si trattasse di due razze distinte, ma questo è un grave errore che non ha trovato seguito nel nostro paese.In Italia è il preferito tra tutti i cani da ferma e i nostri allevamenti producono grandissimi soggetti.

FCI 2 Gruppo 7

English setter

Nazionalità: Gran Bretagna

Sezione: 2 Cani da ferma britannici e irlandesi
Sottosezione: 2 Tipo Setter

RIPRODUZIONE RISERVATA

Si ringrazia per i contenuti Giunti Editore - De Vecchi

Comments powered by Disqus
Top