Segugio dell’istria a pelo duro

20/10/2014
Segugio dell’istria a pelo duro
ORIGINI
È sicuramente un cane piuttosto antico, ma le sue origini non sono note.

ASPETTO E CARATTERISTICHE
È un cane robusto, di ossatura forte. Gli occhi sono grandi ma non sporgenti, con sguardo serio, sopracciglia cespugliose e spesse. L’iride deve essere scura. Le orecchie, non troppo spesse, sono attaccate all’altezza della linea degli occhi e sono rivestite di peli non troppo corti. Si allargano nella parte mediana e sono aderenti alle guance. La coda ha attaccatura non troppo alta; forte alla base, si assottiglia progressivamente verso l’estremità. È portata bassa e leggermente ricurva verso l’alto. Pelo: il pelo di copertura è lungo da 5 a 10 cm, senza soluzione di continuità, dritto, mai arricciato o ondulato. Sotto il pelo di copertura si può trovare, almeno in inverno, un sottopelo abbondante e corto. Colore: il colore di fondo è bianco neve. Le orecchie sono abitualmente arancione, sulla fronte è spesso possibile trovare una macchia dello stesso colore. Le macchiettature arancione sulle orecchie sono tipiche della razza pura. Macchie arancioni più o meno grandi possono essere reperite su tutto il corpo, più frequentemente alla base della coda. Taglia: 46-58 cm. Altezza ideale di 52 cm per i maschi e di 50 per le femmine.

ATTITUDINI
È un eccellente Segugio per la lepre e la volpe, ma adatto anche alla pista di sangue. È utilizzato in coppia o in piccole mute, soprattutto su terreni rocciosi o con roveti. È un grande abbaiatore, cosa che lo rende difficilmente adattabile alla vita cittadina, nonostante il suo carattere dolce e amabile in famiglia.

NOTE
Esiste anche un Segugio dell’Istria a pelo raso, di taglia leggermente inferiore.

FCI 152 Gruppo 6

Istarski ostrodlaki gonic, Chien courant d’Istrie à poil dur, Rauhhaarige Istrische Bracke, Istrian coarsehaired hound, Sabueso de Istria de pelo duro

Nazionalità: Croazia

Sezione: 1 Segugi
Sottosezione: 2 Taglia media

RIPRODUZIONE RISERVATA

Si ringrazia per i contenuti Giunti Editore - De Vecchi

Comments powered by Disqus
Top