Schillerstövare

20/10/2014
Schillerstövare
ORIGINI
Alla prima esposizione canina tenuta Svezia nel 1886 furono presentati ben 189 Segugi. Dopo vari incroci questa razza fu fissata unendo cani da caccia svizzeri e cani da caccia britannici, soprattutto gli Harrier. La razza, che prende nome dal suo selezionatore, Shiller, si stabilizzò rapidamente e fu riconosciuta come tale nel 1907.

ASPETTO E CARATTERISTICHE
È un cane ben proporzionato, muscoloso, nobile, che dà l’impressione di velocità e di forza. Gli occhi sono bruno scuri, con espressione vivace. Le orecchie sono attaccate alte, pendenti a piatto, con estremità arrotondata. Si possono raddrizzare leggermente quando il cane presta attenzione. Il bordo anteriore è a stretto contatto con la guancia. La coda è lunga, collocata nel prolungamento della linea del dorso, dritta o leggermente a lama di sciabola. Larga alla radice, si appuntisce verso l’ estremità. Pelo: di lunghezza media, ruvido, ben aderente al corpo. Colore: fulvo, con un mantello nero che copre il dorso e i lati del collo, scende sui lati del tronco e sulla faccia superiore della coda. Leggere macchie bianche sulla pettorina e sulle dita sono ammesse. Taglia: maschi 53-61 cm (ideale 57 cm); femmine 49-57 cm (ideale 53 cm).

ATTITUDINI
È un Segugio utilizzato per la caccia alla lepre e alla volpe. Non è un cane da muta e non viene utilizzato per la caccia al cervo. Il carattere è vivace e attento, amichevole con le persone. Non è un cane adatto alla vita in appartamento.

NOTE
La sua diffusione è discreta nel suo paese d’origine, ma molto scarsa al di fuori dei suoi confini.

FCI 131 Gruppo 6

Chien courant Schiller, SchillerLaufhund, Schiller hound, Sabueso de Schiller,
Segugio di Schiller

Nazionalità: Svezia

Sezione: 1 Segugi
Sottosezione: 2 Taglia media

RIPRODUZIONE RISERVATA

Si ringrazia per i contenuti Giunti Editore - De Vecchi

Comments powered by Disqus
Top