Pinscher

20/10/2014
Pinscher
Il Pinscher è una razza canina di origine tedesca e si divide in due tipologie: il Pinscher e lo Zwergpinscher (o "pinscher nano" - definito spesso il "doberman in miniatura").
 
Il Pinscher è un cane sveglio ed elegante, dalle linee pulite, dall’andatura sinuosa e dall’aspetto raffinato e delicato, ma in realtà è un cane vigile, prepotente e dinamico.
È molto attivo, pieno di energia, intrepido e curioso, un cane da guardia entusiasta e un compagno affettuoso.
 

Pinscher, foto di repertorio



Pinscher: le origini

La razza del Pinscher ha delle antiche origini – era già presente, come testimoniano numerosi reperti archeologici, ai tempi delle palafitte - anche se è stata ufficialmente riconosciuta soltanto verso la fine del XIX secolo, per la precisione nel 1879.
Il 3 Marzo 1895, nella città di Colonia in Germania, fu fondato il German Pinscher-Schnauzer Klub.
 
Lo Zwergpinscher (o "Pinscher nano") ha invece una storia recente, se si considera che la prima registrazione ufficiale risale solamente al 1900.
 
Di fatto fra il Pinscher e il Pinscher nano sembrano esserci solo differenze a livello di dimensioni, anche se alcuni autori ritengono che nella creazione del Pinscher nano vi sia il concorso di altre razze come, per esempio, quella dei terrier.
 
 
 
Pinscher seduto, foto di repertorio

 

Pinscher: aspetto

Secondo lo Standard, il Pinscher, cane da guardia e da compagnia, “è un cane a pelo raso, di media taglia, inscrivibile in un quadrato. Ha un portamento fiero, è forte come lo Schnauzer, elegante, e ha una silhouette armoniosa. La muscolatura ben sviluppata è nettamente visibile, a causa del suo pelo corto, specialmente in movimento”.
 
Il peso è compreso fra i 14-20 kg, mentre l’altezza al garrese è di 45-50 cm, sia per i maschi che per le femmine.
 
La forma della testa è leggermente allungata e terminante con un bel tartufo color nero; le orecchie sono generalmente piccole e portare sempre dritte; gli occhi sono ovali e di colore scuro.
La coda è attaccata alta e solitamente viene tagliata; il pelo è di uguale lunghezza lungo tutto il corpo, è luminoso, di colore rosso cervo (nelle varie tonalità) o nero focato.
 
 
Mentre invece, sempre per lo Standard, il Pinscher nano, cane da casa e da compagnia, “è un modello ridotto del Pinscher, esente da qualsiasi accenno di nanismo”.
 
Il peso va dai 4-6 kg, mentre l’altezza al garrese va dai 25 ai 30 cm, sia per i maschi che per le femmine.
 
 
 
Pinscher cucciolo, foto di repertorio

 

Pinscher: carattere ed educazione

Il Pinscher e Pinscher nano sono cani svegli e sicuri di sé, dal temperamento vivace, dei compagni piacevoli come cani di famiglia e da compagnia.
 
Entrambi sono considerati estremamente intelligenti e ricettivi; sono perseveranti, coraggiosi, ma allo stesso tempo dolci e simpatici.
 
Amano molto i bambini e il gioco. Si affezionano a tutti i membri della famiglia e, data anche la taglia contenuta, sono cani adatti alla vita di appartamento.
 
È un bravo cane da guardia, determinato e combattivo nei confronti di coloro che non reputa affidabili.
 
Il Pinscher è una razza canina molto intelligente e ha una spiccata attitudine all’apprendimento.
 
Tende ad abbaiare molto, anche in situazioni in cui non c’è una particolare necessità.
 
Si tratta in entrambe le taglie di un cane che necessita di un’educazione molto attenta: bisogna avere molta pazienza nell’educarlo perché è un cane molto testardo e tende a non seguire le regole e quindi potrebbe creare qualche difficoltà nella gestione.
 
Poiché ama correre più che passeggiare ed essendo qualche volta anche un cane rissoso, non è adatto a persone anziane.
 
 
Pinscher nano, foto di repertorio
 

Pinscher: salute ed alimentazione

La salute del Pinscher è generalmente molto buona, si tratta di una razza generalmente sana che può arrivare tranquillamente ai 12 anni di età senza troppi affanni.
 
Anche il Pinscher nano gode generalmente di buona salute e ha una vita media di 13 anni.
 
E’ opportuno fare attenzione alla sua alimentazione badando bene a non fargli superare il peso di 5 kg.
 
Ovviamente il tipo di alimentazione dipende dalla massa corporea del Pinscher, dalla sua età, dalla sua costituzione fisica, dall'attività fisica che svolge e da eventuali disturbi della sua salute, consultandovi in proposito con il vostro veterinario studierete l’alimentazione più adatta al vostro cane e al suo stile di vita.
 
Entrambe le taglie richiedono un esercizio fisico regolare e soffrono tremendamente il freddo, pertanto necessitano di particolari attenzioni in inverno.
 

 

SCHEDA TECNICA A CURA DI GIUNTI EDITORE:

ORIGINI
I cani di tipo Pinscher hanno origini preistoriche, come testimoniano i reperti archeologici risalenti ai tempi delle palafitte. Il Pinscher nano ha invece una storia recente: è stato creato in Germania nella seconda metà del secolo scorso. Nel 1895 in Germania venne redatto lo standard e venne fondato il primo Pinscher Klub.

ASPETTO E CARATTERISTICHE
Le due razze di Pinscher si differenziano per la taglia (media per la razza FCI n. 184, oppure nana per la razza FCI n. 185, Zwergpinscher) e sono entrambe suddivise nelle medesime varietà di colore. Sono cani mediolinei, dal profilo netto e dalle linee armoniose, ben proporzionati nell’insieme. Il medio deve ricordare un Dobermann in miniatura.Anche la razza nana comunque non deve mai presentare segni di nanismo (come occhi sporgenti, occipite molto rilevato ecc.). La costruzione del tronco deve stare il più possibile nel quadrato. La testa è robusta e allungata, con canna nasale rettilinea e stop leggero ma ben percettibile. Gli occhi sono scuri, di media grandezza, ovali. Le orecchie, attaccate alte, possono ricadere a forma di “V” ripiegata o essere naturalmente erette; se amputate vengono portate erette. Alcuni Zwergpinscher portano erette anche le orecchie non tagliate. Gli arti sono diritti, in perfetto appiombo. La coda è inserita alta, rialzata: dove il taglio non è proibito viene tradizionalmente mozzata alla terza vertebra. Pelo: corto, raso in entrambe le razze. Colore: due varietà in entrambe le razze: da rosso-marrone a rosso-cervo; nero con macchie rosso-marrone. Taglia: Pinscher (medio) 43-48 cm; Zwergpinscher 25-30 cm.

ATTITUDINI
Sono cani dal grandissimo carattere. La razza media può trovare applicazione nel lavoro di guardia, mentre lo Zwerg, per ovvi motivi di taglia, può essere solo un cane da compagnia. Anche il “piccoletto”, comunque, è tutto pepe: non sta fermo un secondo, abbaia con vera “ferocia” se pensa che ci sia un pericolo, gioca come un pazzo con grandi e piccini, è in pratica un piccolo folletto scatenato e divertentissimo, ma capace anche di capire quando deve mettersi tranquillo e non disturbare la pace familiare. Il Pinscher medio, anche caratterialmente, è un piccolo Dobermann: quindi molto dolce in famiglia, sensibilissimo e molto diffidente verso gli estranei. La razza media è molto meno diffusa della nana, ma andrebbe riscoperta perché ha grande doti caratteriali: esse emergono però solo se si sa usare il classico “pugno di ferro in guanto di velluto”, altrimenti risulta piuttosto testardo (come tutti i cani molto dominanti).

SALUTE
Sono cani molto robusti. Temono solo un po’ il freddo e l’umidità.

DOVE TENERLO
In casa il nano; anche in giardino il medio.

NOTE
Non amano molto gli altri cani, ma se crescono con un altro cucciolo può nascere una grande amicizia… e anche una grande “associazione ad abbaiare”: se un Pinscher solo – salvo casi di pericolo
– è abbastanza silenzioso, una coppia o un gruppo di cani diventano decisamente rumorosi.

FCI 184 • 185 Gruppo 2

Nazionalità: Germania

Sezione: 1 Tipo Pinscher e Schnauzer
Sottosezione: 1 Tipo Pinscher Varietà: a) da rossomarrone a rossocervo; b) nerofocato

RIPRODUZIONE RISERVATA

Si ringrazia per i contenuti Giunti Editore - De Vecchi

Comments powered by Disqus
Top