Grand anglo-francais blanc et noir

20/10/2014
Grand anglo-francais blanc et noir
ORIGINI
Come indica chiaramente il loro nome, i tre Segugi anglo-francesi sono stati ottenuti con l’infusione di sangue inglese in razze francesi autoctone. Il cane inglese più utilizzato è stato il Foxhound. Per quanto riguarda le razze francesi, il Grand anglo-français blanc et noir deriva dal Gascon-saintongeoise.

ASPETTO E CARATTERISTICHE
È un cane piuttosto potente, con una forte ossatura che ricorda i suoi antenati Gascon-saintongeoise. La testa è forte, piuttosto corta, con assi cranio-facciali paralleli. Il cranio è piuttosto piatto, con protuberanza occipitale appena marcata e arcate sopracciliari prominenti. Gli occhi sono di colore marrone, un po’ infossati. Le orecchie hanno attaccatura larga, all’altezza della linea dell’occhio. Piuttosto piatte, si girano bene per diventare di lunghezza media. Sono piuttosto appuntite. La coda, forte alla radice, termina con una punta affilata. È lunga e tenuta dritta quando il soggetto è movimento. Pelo: non troppo fitto, ma molto forte. Colore: obbligatoriamente bianco e nero, con manto e macchie nere più o meno estese; sono ammesse macchiettature nero o bluastre o anche di colore focato, ma queste ultime solo sugli arti. Macchia pallida sopra gli occhi, macchie focate sulle guance, sotto gli occhi, sotto le orecchie e alla radice della coda sono ammesse. Taglia: maschi 65-72 cm; femmine 62-68 cm.

ATTITUDINI
Grande cacciatore ed eccellente pistatore, unisce l’eleganza dei cani francesi alla tenacia e alla resistenza dei cani inglesi, doti legate anche alla taglia maggiore. Con il padrone e in famiglia è amabile, intelligente, amichevole.

NOTE
Può essere usato sia in muta sia individualmente.

FCI 323 Gruppo 6

Grosser Anglofranzösischer Weissschwarzer Laufhund, Great AngloFrench white and black hound, Gran sabueso anglo-francés blanco y negro

Nazionalità: Francia

Sezione: 1 Segugi
Sottosezione: 1 Taglia grande

RIPRODUZIONE RISERVATA

Si ringrazia per i contenuti Giunti Editore - De Vecchi

Comments powered by Disqus
Top