Golden retriever

20/10/2014
Golden retriever
Golden retriever
 
Il Golden retriever, che letteralmente significa “cane dorato da riporto”, è ufficialmente un cane da riporto e da cerca, con particolare attitudine per il riporto in acqua.

È un cane di taglia medio-grande a pelo lungo, molto amato perché dolce, tenerissimo, buono con i bambini, ma che nell’animo resta sempre un cane da lavoro.

Il Golden retriever non è molto diffuso in Italia, soprattutto rispetto al suo cugino Labrador retriever, ma in Inghilterra è molto amato e ricercato.
 

Golden retriever: origini

Molto probabilmente discende dal “Flat Coated Retriever” e dal “Tweed Watar Spaniel”, quest’ultimo ormai scomparso.

Una storia interessante è quella che racconta di circhi e di un certo Lord Tweedmouth, che avrebbe acquistato degli esemplari di cani da caccia della razza “Russian retrievers” proprio durante una manifestazione circense fuori dal suo Paese per poi portarceli e incrociarli con il “Bloodhound” e con i “Setter”.

Dopo aver bilanciato le loro caratteristiche ottenne il Golden retriever per come oggi lo conosciamo.

Preservando le doti olfattive delle razze da cui è nato è diventato un perfetto e stimato cane da caccia.

La razza del Golden retriever è stata classificata ufficialmente nel 1903, per la prima volta in Inghilterra, poi man mano nei paesi in cui è più diffuso, sia in Europa che in Nord America.

Ne esistono due tipologie: britannico e americano.

L’americano si divide poi in statunitense e canadese, le differenze sono soprattutto di aspetto e colore.
 

Foto repertorio: Golden retriever in piedi


Golden retriever: aspetto

È un cane di taglia medio-grande con pelo lungo e ondulato: cane armonico, attivo, potente, ben compatto nella sua andatura, di costituzione forte, con un'espressione di grande dolcezza.

Il Golden retriever misura circa 60 cm e pesa circa 30 Kg.

Il Golden retriever ha gli occhi castani, ben distanti, con bordo delle palpebre scuro, che attirano molto l’attenzione, le orecchie sono pendenti e piuttosto grandi.

lungo pelo dorato, lucente e frangiato,sottopelo fitto e impermeabile<span 13px;"="">.

Il colore del mantello va dall’oro al color crema.

 

Foto repertorio: Golden retriever seduto


Golden retriever: carattere ed educazione

Il Golden retriever è un cane molto fedele e molto affettuoso soprattutto con la sua famiglia di adozione a cui si lega molto.

Ha bisogno di molte attenzioni e della compagnia dell’uomo.

Ama molto i bambini e con loro si diverte in perfetta sicurezza.

Non ha problemi ad abitare in appartamento, ma è un cane che ha bisogno di moltissimo esercizio fisico, è un cane da lavoro, un atleta e un eccezionale nuotatore (se volete vederlo davvero felice, portatelo in acqua).

Oltre ad essere un cane da caccia in palude, il Golden retriever è un animale perfetto da compagnia, sveglio, intelligente e bello.

Viene impiegato nella protezione civile, per il soccorso durante le valanghe, i crolli di edifici e soprattutto nei salvataggi nautici, dato il suo grande amore per l’acqua.

Anche in pet therapy il Golden retriever emerge come razza, sa guidare bene i non vedenti e sa stare quietamente accanto agli anziani.

Lo stesso entusiasmo che rende il Golden retriever un cane felice di lavorare e di rendersi utile, però, può diventare assai seccante se il cane non ha modo di sfogare le sue energie e la sua festosità in qualcosa di costruttivo.
 
L'educazione del Golden retriever può dare grandi soddisfazioni, poiché questo cane ha un naturale rispetto della leadership ed è particolarmente docile, ma è molto importante, durante la fase educativa, fare estrema attenzione nell’utilizzare il linguaggio e le metodologie necessarie per comunicare con chiarezza.
 
L'importanza di saper comunicare in modo chiaro è universale nel mondo cinofilo, ma ancora di più quando ci rapportiamo a un Golden retriever che ha assoluta necessità di un conduttore particolarmente sensibile.
 
E’ indispensabile lavorare con un Golden utilizzando sempre e solo rinforzi positivi, limitando al massimo l’uso delle punizioni ed evitando assolutamente ogni forma di imposizione fisica, anche se “dolce”.

 

Foto repertorio: Golden retriever cucciolo


Golden retriever: salute ed alimentazione
 
Il Golden retriever soffre di disturbi molto fastidiosi che spesso si tende a sottovalutare come la displasia dell’anca che è molto facile da ereditare. Un altro inconveniente della razza è l’obesità.

Da cucciolo, quando ha una età tra i 2 e i 5 mesi, un Golden retriever raddoppia il proprio peso.

Non bisogna esagerare con il cibo, infatti se l’alimentazione è troppo energetica può turbare il processo di crescita favorendo le malattie ortopediche dello sviluppo (DOD).

Non bisogna esagerare neanche integrando calcio e fosforo e minerali in genere, soprattutto se si è scelto un cibo naturale per cani già ben equilibrato. 



SCHEDA TECNICA A CURA DI GIUNTI EDITORE:

ORIGINI
Il riconoscimento della razza è abbastanza recente, risalendo al 1931, ma della sua storia precedente non si sa praticamente nulla. Ci sono solo suggestive leggende: la più nota narra che nel 1858 Lord Tweedmouth acquistò una coppia di Cani da pastore del Caucaso dal mantello chiaro, che aveva visto lavorare in un circo. Delle cucciolate che nacquero tenne sempre i cuccioli “golden” (dorati), finendo per fissare il carattere recessivo del mantello. Un’altra teoria vorrebbe che la razza fosse nata dall’incrocio tra un Chien de SaintUbert (Bloodhound) color sabbia e uno Spaniel d’acqua ora estinto; altri ancora sostengono che il progenitore della razza sia stato Nous, un Cane giallo nato dall’incrocio tra lo stesso Spaniel d’acqua e un Flat coated retriever.

ASPETTO E CARATTERISTICHE
L’aspetto generale del Golden deve essere simmetrico, equilibrato, attivo, potente, ben allineato durante il movimento. L’espressione è quella di un cane giudizioso e gentile. La testa è proporzionata e ben cesellata. Il cranio largo, ma non grossolano. Il muso è potente, largo e profondo, di lunghezza pari a quella del cranio, con stop ben definito. Gli occhi devono essere di colore marrone scuro, ben distanziati, con rime palpebrali scure. Le orecchie, di grandezza moderata, sono attaccate approssimativamente all’altezza degli occhi. Gli arti sono diritti e dotati di buona ossatura, ben posizionati sotto il tronco. La coda è attaccata e portata a livello del dorso: arriva fino al garretto, senza incurvarsi all’estremità. Pelo: piatto od ondulato, con belle frange. Sottopelo fitto e impermeabile. Colore: sono ammesse tutte le sfumature dell’oro e del crema, mai il rosso o il mogano. Taglia: maschi 56-61 cm maschi; femmine 51-56 cm.

ATTITUDINI
Il Golden ha un carattere eccezionale: è perfetto con i bambini, dolce e tranquillo con gli anziani. Robusto e resistente compagno di passeggiate per i giovani, è ovviamente un ausiliario prezioso per il cacciatore. È un cane a cui va dedicato molto tempo, perché ha un gran bisogno di compagnia umana: si sente parte integrante della famiglia, ossia del “branco” in cui vive, e vuole avere un ruolo di tutto rispetto, rendendosi utile e partecipando a ogni attività possibile. Come cacciatore è un abilissimo riportatore, specie in acqua.

SALUTE
È un cane robustissimo. Nonostante sia nato per il lavoro in acqua e abbia un mantello perfettamente impermeabile, quando esce dall’acqua va asciugato bene alla base della coda per evitare il fenomeno detto “broken tail” (coda rotta), ovvero una dolorosa contrazione dei muscoli adduttori che induce il cane a portare male la coda, proprio come se se la fosse rotta.

DOVE TENERLO
In casa o in giardino indifferentemente e senza problemi.

NOTE
“Golden” non significa “cane dal mantello d’oro”, ma “cane d’oro”, “riportatore d’oro” nell’accezione metaforica del termine. In realtà non tutti i Golden hanno mantello color oro, ma spesso sono color crema (e restano bellissimi).

FCI 111 Gruppo 8

Nazionalità: Gran Bretagna

Sezione: 1 Cani da riporto

RIPRODUZIONE RISERVATA

Si ringrazia per i contenuti Giunti Editore - De Vecchi

Comments powered by Disqus
Top