Cane da pastore maremmano abruzzese

20/10/2014
Cane da pastore maremmano abruzzese
ORIGINI
La sua storia inizia sicuramente in epoca remota e si ricollega a quella del grande ceppo dei cani bianchi da difesa del gregge, con origine asiatica. I Pastori maremmano abruzzesi sarebbero arrivati in tempi molto lontani, al seguito delle migrazioni di popoli dall’Asia all’Europa; o forse sarebbero stati portati in Europa dai Romani all’epoca delle conquiste asiatiche. Si sa per certo che i Romani, duemila anni fa, avevano già cani da pastore dal mantello bianco. In tempi più recenti si era pensato di dividere le due varietà (maremmana e abruzzese), ma alla fine si è deciso che la razza era una sola e su questa è stato stilato lo standard.

ASPETTO E CARATTERISTICHE
È un cane di grande mole, fortemente costruito, di aspetto rustico e nello stesso tempo maestoso e distinto. La testa si presenta grossa, di forma conica, e ricorda quella dell’orso bianco. Il cranio, visto di profilo, è convesso. Lo stop poco accentuato. Gli occhi sono ocra o marrone scuro. Le orecchie, piccole rispetto alla mole del cane e di forma triangolare (a “V”), sono inserite ben al di sopra dell’arcata zigomatica, pendenti ma non molto mobili. Il corpo è inscritto in un rettangolo: la lunghezza del tronco è superiore all’altezza al garrese. Gli arti posteriori sono ben angolati e perfettamente in appiombo. La coda oltrepassa il garretto in lunghezza: viene portata pendente quando il cane è in riposo, sulla linea del dorso quando è eccitato. Pelo: lungo, molto abbondante, piuttosto ruvido al tatto. Colore: l’unico ammesso è il bianco puro. Sono tollerate, purché in numero limitato, sfumature avorio, arancio pallido o limone. Taglia: maschi 65-73 cm; femmine 60-68 cm.

ATTITUDINI
Ha la brutta fama di cane mordace, aggressivo e troppo nervoso, ma non è così. Certamente non è un cagnolino da compagnia, ma un “vero” cane da pastore, che è sempre stato usato per la difesa del gregge dai predatori: il suo carattere è quello giusto per lo scopo con cui è stato selezionato. Chi ama questa razza deve capirla e rispettarla, ricordando, per esempio, che ha assoluto bisogno di ampi spazi. La vita in appartamento, con uscite solo al guinzaglio per fare i bisogni, lo stressa e può anche renderlo nervoso e mordace. Se invece gli si permette di vivere in modo idoneo, è uno splendido cane da guardia e un compagno dolce e affettuoso. La sua aggressività naturale non va mai stimolata (è una razza che non va assolutamente addestrata, perché reagisce male a qualsiasi tipo di costrizione). È possibile educarlo, ma non bisogna pretendere un’obbedienza troppo passiva che non sarebbe mai in grado di dare. È adatto solo ai bambini educati all’amore e al rispetto per i cani.

SALUTE
Rustico e robustissimo, non pone problemi particolari. Allevato ancora in Abruzzo dai pastori, continua a mantenere le sue caratteristiche ancestrali.

DOVE TENERLO
In giardino, perché non sopporta gli spazi troppo chiusi, che lo rendono nervoso.

NOTE
È adatto solo a persone che conoscano bene la razza e sappiano rispettarne le esigenze; in caso contrario può diventare ribelle, testardo e talora anche aggressivo.

FCI 201 Gruppo 1

Berger de la Maremme et des Abruzzes, MaremmenAbruzzenSchäferhund, Maremma and Abruzzes sheepdog, Perro de pastor maremmano abruzzese

Nazionalità: Italia

Sezione: 1 Cani da pastore

RIPRODUZIONE RISERVATA

Si ringrazia per i contenuti Giunti Editore - De Vecchi

Comments powered by Disqus
Top