Cane da pastore di tatra

20/10/2014
Cane da pastore di tatra
ORIGINI
Deriva dai cani importati dai commercianti fenici dall’Oriente ed è arrivato in Europa probabilmente attraverso l’Africa. I Fenici usavano questi cani anche come merce di scambio di valore, barattandoli con prodotti preziosi come l’argento, il vetro e le stoffe. Anche i Romani utilizzarono questi grandi cani in battaglia e per sorvegliare i prigionieri. I nobili li usavano anche come cani da compagnia.

ASPETTO E CARATTERISTICHE
È un cane grande, imponente, simile al Terranova ma completamente bianco. La testa presenta cranio ampio, con cupola leggermente arcuata e stop evidente, ma non brusco. Gli occhi, bene evidenziati, sono di grandezza media, con espressione intelligente. La forma è leggermente mandorla, lo sguardo dolce e sognante. Le orecchie sono attaccate all’altezza dell’angolo esterno dell’occhio, di lunghezza media, triangolari, con molto pelo. La coda è inserita a media altezza e lunga almeno fino al garretto. Pelo: lungo, con sottopelo denso e folto e abbondante criniera sul collo. Colore: bianco uniforme. Taglia: maschi 65-70 cm; femmine 60-65 cm.

ATTITUDINI
È un cane tranquillo, molto forte, oggi usato prevalentemente per la guardia. Con il padrone è molto dolce, mentre è diffidente nei confronti degli estranei. Ha un temperamento mite, tranquillo, posato, equilibrato; indipendente e autonomo, è però molto collaborativo e quindi facile da educare e addestrare. Ha particolare simpatia per i bambini, con un grande istinto di protezione.

NOTE
Nelle regioni montane della Polonia viene dotato di un collare di ferro o di un collare chiodato come protezione contro gli attacchi dei lupi, che azzannano sempre al collo o alla gola.

FCI 252

Polski owczarek podhalanski, Chien de berger des Tatras, TatraSchäferhund, Tatra shepherd dog, Perro de pastor polaco de podhale

Nazionalità: Polonia

Sezione: 1 Cani da pastore

RIPRODUZIONE RISERVATA

Si ringrazia per i contenuti Giunti Editore - De Vecchi

Comments powered by Disqus
Top