Cane da lupo di saarloos

20/10/2014
Cane da lupo di saarloos
ORIGINI
La razza fu creata da Leendert Saarloos, convinto che il cane domestico avesse perso troppe delle sue caratteristiche naturali. Accoppiò quindi il Pastore tedesco Gerard van de Fransenum con una lupa di nome Fleuri. I primi tentativi di fissare la razza portarono a soggetti ingestibili e l’esperimento fu inizialmente abbandonato, ma in seguito venne ripreso e nel 1975 la razza venne riconosciuta.

ASPETTO E CARATTERISTICHE
È un cane di tipo lupoide, con ossatura potente ma non pesante, alto sugli arti. Gli occhi, di grandezza media, a forma di mandorla, sono leggermente obliqui e di preferenza di colore giallo. L’espressione è attenta e talvolta riservata, ma senza essere spaventata. Le orecchie, di grandezza media, hanno attaccatura piuttosto larga e sono appuntite, carnose, ricche di pelo. La coda è attaccata piuttosto bassa, portata a riposo a forma di sciabola, non troppo mobile. Può essere portata alta in azione e come attitudine intimidatoria. Pelo: duro e dritto (forma di bastone). Colore: da nero sfumato chiaro fino a nero scuro (grigio lupo), da bruno sfumato chiaro fino al bruno scuro (foglia morta) e da crema molto chiaro a bianco. Taglia: maschi 65-75 cm; femmine 60-70 cm.

ATTITUDINI
Fortemente gerarchico, è legatissimo al padrone ma diffidente verso gli estranei. È un cane tutto da godere e da studiare (meglio se in coppia o in gruppo) specie per gli appassionati di etologia, ma è sconsigliato il suo utilizzo per guardia e difesa, perché tende a sfuggire l’uomo.

NOTE
L’Associazione olandese del cane lupo di Saarloos, responsabile per la difesa e la protezione della razza, è l’unico ente che può affidare i cuccioli. Non è possibile acquistarli da un singolo allevatore.

FCI 311 Gruppo 1

Saarlooswolfhond, Chienloup de Saarloos, SaarloosWolfhund, Saarloos wolfdog, Perro lobo de Saarloos

Nazionalità: Olanda

Sezione: 1 Cani da pastore

RIPRODUZIONE RISERVATA

Si ringrazia per i contenuti Giunti Editore - De Vecchi

Comments powered by Disqus
Top