Cairn terrier

20/10/2014
Cairn terrier
ORIGINI
È il più antico dei Terrier scozzesi: da esso derivano sia lo Scottish terrier sia il West Highland white terrier. Pare esistesse già nel Seicento, ai tempi di Maria di Scozia e di suo figlio Giacomo VI, e si trovano documentazioni scritte della sua esistenza nel XVIII secolo. Il suo nome deriva dal termine celtico cairn: esso indicava le fenditure nelle rocce (tipiche delle zone scozzesi) in cui potevano nascondersi i piccoli animali nocivi, che ha sempre cacciato con grande ardore.

ASPETTO E CARATTERISTICHE
È un cagnetto forte e compatto, con testa piccola ma ben proporzionata al corpo. Il cranio è largo; lo stop deciso; il muso è potente, ma non pesante. Le mascelle sono molto forti. Occhi di media grandezza, di colore marrone scuro, infossati, con sopracciglia abbondanti. Le orecchie sono piccole, erette, a punta, non troppo ravvicinate. Gli arti, di media lunghezza, sono in perfetto appiombo. La coda è portata gaiamente. Pelo: duro. Colore: rosso, sabbia, grigio, pepe e sale o quasi nero. Sono tipici colori più scuri sul muso e sulle orecchie. Taglia: 28-31 cm, per un peso ideale di 67,5 kg.

ATTITUDINI
Oggi è soprattutto un cane da compagnia e da esposizione. Il suo aspetto da simpatico “peluche” non deve però ingannare: ha un caratterino tutto pepe. È coraggioso, estremamente attivo, allegro e… anche troppo intraprendente. Piuttosto testardo e furbissimo, necessità di una mano decisa per l’educazione: in caso contrario diventa ben presto l’indiscusso “capobranco” di casa. È molto rissoso con gli altri cani, specie se del suo stesso sesso. Se vive in campagna si rivela un implacabile cacciatore di topi.

SALUTE
È un cane di grande rusticità e robustezza.

DOVE TENERLO
Se viene scelto come cane da compagnia, deve essere portato a correre molto spesso perché è dotato di infinite energie. Se non riesce a sfogarle fuori, lo farà tra le mure domestiche inventando ogni sorta di marachelle, specie da giovane. Successivamente, in età adulta si tranquillizza un po’.

NOTE
Ha l’animo di un vero Terrier: quindi, pur essendo allegro e simpatico, è anche pronto alla lotta quando viene provocato. Non è molto indicato per i bambini piccoli, mentre può essere un compagno fantastico per ragazzini oltre i sei-sette anni, se educati al rispetto per gli animali. È un cane ancora poco presente in Italia, che meriterebbe una maggior diffusione per la sua bellezza e simpatia. Se si desidera un cucciolo bisogna prenotarlo con molto anticipo perché gli allevamenti sono pochissimi.

FCI 4 Gruppo 3

Nazionalità: Gran Bretagna

Sezione: 2 Terrier di taglia piccola

RIPRODUZIONE RISERVATA

Si ringrazia per i contenuti Giunti Editore - De Vecchi

Comments powered by Disqus
Top