Bracco slovacco a pelo duro

20/10/2014
Bracco slovacco a pelo duro
ORIGINI
Come il Cane da ferma boemo, deriva dai cani da caccia diffusi nel territorio dell’ex Unione delle Repubbliche Sovietiche.

ASPETTO E CARATTERISTICHE
Cane di forza media, di tipo da lavoro, ma con una certa nobiltà nelle forme. Il fondo del manto è detto “grigio” e il pelo è duro. Sia per i maschi che per le femmine è ricercato un cane di costituzione solida, ma non pesante. Gli occhi sono a forma di mandorla, ben incassati fra le orbite, di colore ambrato, con espressione intelligente. Le orecchie sono attaccate al di sopra del livello dell’occhio, di forma arrotondata. La coda è mediamente forte, attaccata piuttosto alta, portata verso il basso quando il cane è a riposo; tenuta orizzontale in azione. Viene tagliata a metà lunghezza. Pelo: il mantello è costituito da sottopelo corto e fine e pelo di copertura di circa 4 cm, duro, dritto e coricato. Nella parte inferiore del muso, i peli sono più lunghi e più morbidi e formano baffi. Al di sopra degli occhi, sono più marcati e drizzati obliquamente. Fronte e occipite sono coperti da peli corti e duri. Colore: il colore di base è il sabbia ombreggiato di marrone (detto “grigio”) con varianti più chiare e più fulve senza macchie bianche, o con macchie bianche sulle estremità e sulla pettorina. Ugualmente “grigio” con macchie più o meno grandi o macchiettature. Taglia: maschi 62-68 cm; femmine 57-64 cm.

ATTITUDINI
È un cane adatto al lavoro in pianura, nei boschi e nell’acqua. È un eccellente ricercatore e riportatore. È un cane docile e, pur avendo molto temperamento, si addestra facilmente.

NOTE
Nei cuccioli e nei cuccioloni gli occhi sono azzurri.

FCI 320 Gruppo 7

Slovensky hrubosrsty stavac (Ohar), Griffon d’arrêt slovaque à poil dur, Slowakischer Rauhbart, Slovakian wirehaired pointing griffon,
Grifón de muestra eslovaco de pelo duro

Nazionalità: Slovacchia

Sezione: 1 Cani da ferma continentali
Sottosezione: 3 Tipo Griffon

RIPRODUZIONE RISERVATA

Si ringrazia per i contenuti Giunti Editore - De Vecchi

Comments powered by Disqus
Top